388
  • Gianluca Secco - Di Schianto - Live al Premio Tenco

    931 views 2 years ago
    Gianluca Secco al Premio Tenco 2016 Show less
    Read more
  • Nobraino Play all

    Conosciuti per i live adrenalinici e fuori dagli schemi, i Nobraino sommano a una sana dose di fisicità che il palcoscenico fa fatica a contenere, un'uguale quantità di cinico rock d'autore. Deformazioni sarcastiche inscatolate in una sghemba lirica contemporanea sono il loro marchio di fabbrica. Con l'uscita di "No Usa! No UK!" nell'aprile del 2010, grazie anche a un fitto passaparola e ai tanti concerti, i quattro si sono guadagnati il titolo di band rivelazione del panorama indipendente italiano.

    La band, un classico quartetto rock, ha da quest'anno promosso il proprio trombettista turnista al grado di "Aspirante Nobraino". Quest'ultimo infatti, dopo diversi mesi di collaborazione, ha espresso il desiderio di entrare a far parte del gruppo il quale, approvata la richiesta ha avviato l'iter che nel giro di qualche anno dovrebbe portare il trombettista a diventare un Nobraino a tutti gli effetti. Insomma al momento quattro di nome ma cinque di fatto, l'ennesima anomalia nella storia di questa formazione.

    La storia discografica dei Nobraino conta quattro dischi. Il 2006 è l'anno del primo album ufficiale "The best of Nobraino", nel 2007 un live di pezzi inediti "Live al Vidia Club", il 2008 è l'anno della svolta, vincono il Premio rivelazione dell'anno al MArteLive, che li porterà a firmare il contratto di management e produzione discografica con l'allora neonata etichetta MArteLabel. Da qui nel 2010 l'uscita dell'album "No USA! No UK! Nobraino", con la direzione artistica di Giorgio Canali.

    Nel marzo 2012 esceil " Disco d'Oro" prodotto nuovamente da MArteLabel e registrato con Manuele "MaxStirner" Fusaroli. Negli anni i Nobraino hanno accumulato premi importanti come il DemoRai, il Sele D'oro, e tanti successi culminati con le apparizioni televisive nel salotto televisivo di Serena Dandini Parla con me su Rai Tre. Nel 2010 il brano L'onesta monarchia di Luigi Filippo viene incluso nella compilation della "Leva cantautorale degli anni Zero". Nel settembre 2011 si sono aggiudicati al Supersound di Faenza il premio speciale MEI "Miglior Tour dell'anno", insieme al Premio XL La Repubblica "Nuova Musica Italiana".

    Nel novembre 2011 i Nobraino si sono esibiti al Teatro Ariston di Sanremo ospiti del Premio Tenco 2011. I Nobraino hanno suonato sul palco del Concerto del Primo Maggio 2012.

    Dopo due mesi di stop in studio nella primavera del 2013 dedicati esclusivamente alla registrazione dei brani del loro prossimo disco, i Nobraino sono di nuovo in tournée nelle maggiori realtà musicali nazionali. Il nuovo album sarà pubblicato nei primi mesi del 2014 e conterrà diversi pezzi già presenti nei live, come Bigamionista, Lo scrittore ed Esca viva, già diventati dei classici per chi è divenuto loro fan.
    This item has been hidden
  • Dellera Play all

    DELLERA, è autore, cantante e polistrumentista. Inglese d'adozione, respira per oltre 10 anni la scena musicale inglese ed internazionale. Ritornato in Italia nel 2006 diventa membro degli Afterhours con i quali realizza tre Tour americani, compone e registra l'album "I Milanesi ammazzano il Sabato" e vince al Festival di Sanremo il Premio della critica nel 2008.

    Si distingue come protagonista di collaborazioni con artisti tra i quali Dente, Il Genio e Calibro 35 con i quali registra una rivisitazione de"l'Appuntamento" di Ornella Vanoni ed singolo "Il Beat Cos'è" che per 5 settimane si posiziona al N° 1 della Indie Musik Like e per 5 mesi nella top five diventando il terzo singolo del 2010 per la Indie Musik Like.

    A settembre 2010, dopo un bellissimo concerto al MArteLive Festival, l'incontro con Giuseppe Casa e pochi mesi dopo la firma di un contratto di management con l'omonima etichetta discografica MArteLabel, con cui nell'ottobre nell'ottobre del 2011 pubblica l'album "Colonna Sonora Originale" ricevendo un successo di critica al di la di ogni aspettativa. "Il motivo di Sima", primo singolo dell'album entra in programmazione sulle principali radio italiane posizionandosi per oltre tre mesi nella Top Ten della Indie Musik Like salendo fino al 3° posto.

    Nel mese di gennaio 2012 "Il Tema di Tim & Tom" è scelto per aprire il video della sfilata Men FW 2012/2013 di Ermenegildo Zegna e, per la prima volta viene offerto il palcoscenico internazionale dell'alta moda alla musica di un'artista indie italiano. A marzo registra "Effetto Notte" un film studio Live dell'album al quale prendono parte il meglio dello scenario Indie italiano con artisti quali: Giovanni Gulino (Marta sui Tubi), Diego Mancino, Dente, Calibro35, Rodrigo d'Erasmo, Enzo Moretto (A Toys Orchestra), Gianluca de Rubertis (Il Genio).

    Nel mese di aprile DELLERA, insieme agli Afterhours pubblica il nuovo disco "Padania", mentre a maggio si aggiudica il premio Miglior Voce 2012 KeepOn. Il premio è stato assegnato dai direttori artistici dei Live Club del circuito KeepOn. Sempre nello stesso mese esce il secondo singolo "Le Parole" che immediatamente entra nella Top Ten della Indie Music Like per oltre due mesi. DELLERA risulta il 4° artista più programmato della Indie Musik Like per l'anno 2011/2012.

    Nel mese di settembre 2012 "Colonna Sonora Originale " viene votato dalla giuria del Premio Tenco come finalista per la migliore opera prima dell'anno e a novembre 2012 è Direttore artistico e protagonista insieme a Sergio carnevale (Bluvertigo) e Federico Poggipollini (Ligabue) del programma Jack On Tour per Deejay Tv.

    Ad agosto 2013 partecipa (insieme ad altri artisti di casa MArteLabel come Underdog e Marzia Stano aka UNA) allo Sziget Festival di Budapest, in compagnia di Rodrigo d'Erasmo, suonando sul Puglia Sounds/Mambo Stage, ulteriore tappa di una tournée che lo ha visto oltrepassare le 100 date dal nobrembre 2011.
    This item has been hidden
  • UNA (Marzia Stano) Play all

    Marzia Stano in arte "UNA", frequenta il Dams e l'Accademia di Belle Arti di Bologna, nasce a Torino ma cresce in provincia di Bari dove comincia a scrivere le sue canzoni sin da piccola.

    Dal 2009 lavora assieme al pianista Lucio Morelli (Max Gazzè, Paola Turci) alla scrittura del suo primo disco solista con la partecipazione strumentale di musicisti e amici come Angela Baraldi, Gianluca Bartolo (Pan del Diavolo), Gianni Masci (Jolaurlo), Giacomo Fiorenza (I Cani, Colapesce), Andrea Mancin (Giardini di Mirò).

    Ad Ottobre 2012 UNA vola negli States per partecipare insieme a Negrita, Subsonica, Mannarino, Mama Marjas, Boom Da Bash ed altri artisti italiani al Festival HIT WEEK.

    L'uscita del suo primo disco dal titolo "Una Nessuna Centomila", anticipata dall'UNconventionAl Tour (un minitour europeo che l'ha vista esibirsi nei più importanti palcoscenici europei tra Parigi, Bruxelles e Berlino, oltre ad una anteprima italiana a Napoli e Bologna), è avvenuta a maggio 2013 per MArteLabel, con il sostegno di Puglia Sounds Record.
    A luglio la cantautrice pugliese si confronta con la grande tradizione della canzone d'autore italiana, proponendo una personale rivisitazione (anche in versione videoclip) de "Il lavoro", uno dei brani di maggior intensità di Piero Ciampi e che descrive perfettamente lo scenario dell'Italia moderna. Ad agosto vola a Budapest per partecipare allo Sziget Festival 2013, una delle più importanti rassegne musicali europee, insieme ad altri artisti della scuderia artistica MArteLabel (Dellera e Underdog).

    Nei primi di ottobre esce il suo secondo singolo "Qui ed ora", un brano dove tra annotazione intima e osservazione del mondo i ricordi d'infanzia s'intrecciano a esperienze dell'età matura in un continuum spazio/temporale intorno al presente.
    Il 6 dicembre è stata tra gli headliner del Medimex 2013, il 7 si è esibita a Roma come finalista del Premio "Fabrizio de André", ricevendo il Premio AFI 2013 – Miglior Progetto Discografico dell'anno.

    A gennaio 2014 riparte il suo nuovo tour, con importanti novità: ad aprile è con Dellera (Afterhours) in un minitour, mentre in primavera partirà con il suo nuovo progetto, un Power Trio con Gianni Masci (chitarre) e Luca "Molla" Giura (batteria e percussioni).
    Ha iniziato la stagione primaverile sul palco del 1 maggio a Taranto e ha portato la sua musica e la sua grinta al Roma Folk Fest il 24 maggio, prima di ultimare le registrazioni del suo nuovo lavoro in uscita a fine settembre.

    Il 10 giugno è uscito "#Scopamici", il primo singolo del nuovo album. Il 17 è uscito, in anteprima su Fanpage.it il video di totalizzando in poco più di un mese 60000 visualizzazioni. Il 6 settembre esce "Mario ti amo": entrambi i singoli anticipano il disco "Come in cielo così in terra" in uscita il 23 settembre negli store digitali e il 30 nei negozi di dischi.
    This item has been hidden
  • Giacomo Toni Play all

    Giacomo Toni in concerto va visto subito, per molti buoni motivi. Il primo è che in questo momento Giacomo Toni è uno dei migliori cantautori italiani: un compositore con il genio dei grandi vecchi e la forma di un giovane d'assalto -- come il McEnroe del 1984 o il Ronaldo del 1997. A un primo ascolto può far pensare a Enzo Jannacci, Piero Ciampi, Paolo Conte, Vinicio Capossela: ma chi va a vederlo per la seconda volta si renderà conto che Giacomo Toni è solo Giacomo Toni.


    Il secondo motivo è che in concerto offre capolavori comici, ballate splendide e malinconiche. Inoltre ci sono le battute e le pause di Giacomo, c'è la sua faccia da attore di Hollywood e da vecchio contadino romagnolo, c'è il senso di qualcosa che è sul punto di esplodere.

    Ci sono i componenti della Novecento Band, Marcello Jandù Detti al trombone, Alfredo Nuti Dal Portone alle chitarre, Roberto Villa al contrabbasso, Gianni Perinelli al sax e Marco Frattini alla batteria -- altri cinque ottimi motivi che basterebbero da soli, cinque maestri con un talento da solisti e la capacità di fondersi alla perfezione con il pianoforte e la chitarra del loro "frontman esitante" (per citare una canzone di Toni).

    Ogni canzone è un tornado di riferimenti musicali disparati, dalla scuola genovese al jazz sperimentale, e allo stesso tempo un racconto o un momento lirico chiuso in se stesso, forte, irriducibile, senza un verso o una frase musicale fuori posto. La band, fondata nel 2005 da Giacomo Toni, ha all'attivo tre album: "Giacomo Toni & Novecento Band" (2006), "Metropoli" (2008) e "Hotel nord est" (2010), tutti autoprodotti, in collaborazione con la libera associazione teatrale "Gli Incauti".

    Diversi i premi ottenuti tra cui: vincitori del premio singoli cantautori "Nuova Musica Italiana 2007" presieduto da Mogol; vincitori del "Riconoscimento al miglior testo Premio Augusto Daolio 2006"; finalisti al concorso nazionale "1° Maggio Tutto l'Anno"; secondi classificati al concorso "Forlì 4peace 2006"; finalisti al concorso "Risonanze Umplugged 2006" e ospiti a RADIO RAI 1 durante il programma "Demo". Il 1° settembre 2011 Giacomo ha aperto l'attesissimo concerto di Raphael Gualazzi al Metarock di Pisa e il 23 settembre ha partecipato con successo al Supersound di Faenza.

    Ad ottobre 2011 intraprende un tour tributo a Paolo Conte insieme a Lorenzo Kruger, frontman dei Nobraino e a giugno entra ufficialmente nell'etichetta MArteLabel. Il 2 novembre 2012 vince il Festival Mondiale della Canzone Funebre.

    Nella primavera del 2013 è uscito il suo primo vero disco da solista. Musica per autoambulanze, pubblicato da MArteLabel.

    Musica per Autoambulanze si fa beffe della figura del cantautore solitario e lascia che la nutrita band aggredisca e stravolga l'idea dell'autore. Fatto di fiammate ironiche, ballate romantiche e sferzate di cinismo, come se fosse un elogio della contraddizione, l'ultimo lavoro in studio di Giacomo mischia le carte in tavola e alterna sonorità schizofreniche e indiscrete a momenti d'intensità delicata, in un'altalena di umori musicali che allenano l'orecchio e confondono il resto.
    This item has been hidden
  • Petramante Play all

    Petramante, band umbra che esordisce nel 2009 con l'album "E' per mangiarti meglio".
    Definiti spesso come canzone d'autore, rivelano anche una vena più feroce in un perfetto bilanciamento tra leggerezza e complessità. Ottime recensioni per il primo disco e un tour che tocca Italia, Germania, Austria e Sudamerica, su palchi condivisi tra gli altri con Subsonica, Bugo, Dente, Diaframma, Eugenio Bennato, Andrea Rivera, MauMau, Giorgio Canali. A casa loro si cena, si beve e si produce vino, si dipinge, si scrive, si girano i video delle canzoni e delle ricette culinarie che la band diffonde in rete sul proprio canale youtube.
    Il loro singolo "implodo" é inserito nel catalogo multimediale "Io e l'altro", uscito per Fonopoli con la supervisione artistica di Renato Zero. Nella primavera del 2012 rientrano in studio sotto la guida di Paolo Benvegnù: un momento importante che fa nascere undici nuove tracce grondanti sangue, lacrime e risate di cuore.

    Nei primi mesi del 2013 è uscito il secondo album della band, Ciò che a voi sembra osceno a me pare Cielo, per MArteLabel, con la produzione artistica e la partecipazione di Paolo Benvegnù. Il disco, nato nel giro di pochi mesi, è come una seduta di psicanalisi, per cui nessuno ha preso appuntamento e nessuno ha pagato il conto. Sul foglio dello psicanalista restano appunti passionali: lucidi nella denigrazione delle consuetudini, nella descrizione del dolore e nel racconto del sentimento. I Petramante liberano l'ascoltatore dal pudore, dalla paura e dal senso dello scandalo comune, concentrandosi con forza sul presente.

    Stavolta il loro personalissimo cantautorato si arricchisce di inaspettati echi shoegazer, e pesca tra gli episodi meno elettronici di Bjork e il Battiato de "La voce del padrone". Anche se collocare questo lavoro in una sola categoria è difficile, oltre che riduttivo: è indie, melodico, musica d'autore, mainstream. E' tutto questo. Questa cura nella costruzione è una delle cose a cui tiene di più Paolo Benvegnù, che prima crede nel progetto, li guida, e poi ci mette del suo, entrando in prima persona, scrivendo e suonando in questo lavoro. Oltre a Benvegnù e al suo prezioso fonico Michele Pazzaglia, questo disco annovera altre illustrissime collaborazioni, quali Lorenzo Corti alla chitarra, Guglielmo Ridolfo Gagliano al violoncello e Laurence Cocchiara e Silvia Portarena al violino.
    This item has been hidden
  • Management del Dolore Post-Operatorio Play all

    Il MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO è la gestione del dolore cronico della vita, la SOLUZIONE DELL'INCONVENIENTE DI ESSERE NATI.
    La realtà dei fatti non è molto diversa da quella del romanzo, ma è meno interessante. Ciò che rimane di vero e immutato sta nell'approccio alla vita, nella rabbia giocosa, nell'irriverenza divertita, nello slancio incosciente, ironico, di intuizioni assurde e audaci, che esprimono un autentico e raro spirito punk, tipico di chi contesta e attacca con il sorriso sulle labbra, per smontare e rovesciare preconcetti, consuetudini ingessate e prospettive a senso unico, per far pensare di più, oltre i soliti limiti, mostrando la bellezza delle alternative possibili nei paradossi, perché a volte "il brutto è bello, e il bello è brutto".
    In estrema sintesi, come Luca Romagnoli afferma in ogni concerto, il MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO è la GIOIA DI VIVERE MALE. La band si inserisce rapidamente tra i gruppi emergenti più interessanti dell'ultimo decennio, secondo la critica musicale e l'opinione pubblica. Il primissimo e introvabile disco autoprodotto nel 2009 "Mestruazioni" (Videoradio) riceve molteplici e positive recensioni sui portali web e giornali di musica, attirando in poco tempo l'attenzione di media e addetti ai lavori. Come un esercito affamato, il gruppo vince tutti i concorsi cui partecipa: Italia Wave, Primo Maggio Tutto l'Anno, Il Rock è Tratto nel 2009, Roma Rock School Competition, Fattore H, Roadie Rock Festival, Milano Film Festival nel 2010.
    In totale autonomia promozionale, il singolo autoprodotto "Nei Palazzi" entra prima dell'estate 2010 tra i primi posti della "Top 50 brand new 2010", classifica ideata dal MEI per la musica emergente. La band riceve anche la "Targa MEI 2010 per l'innovazione tecnologica nella promozione musicale", grazie alla originale campagna non convenzionale per il lancio dei canali di comunicazione, del singolo "Nei Palazzi" e della videopin.
    Sull'onda dei numerosi successi raccolti, salgono sul gradino più alto del podio anche per il concorso Upload di Bolzano nel 2011, alla cui direzione artistica c'è Cristiano Godano dei Marlene Kuntz. La band vince il massimo premio economico, che contribuisce a realizzare la nuova produzione discografica, e viene pure inviata a rappresentare l'Italia al POPKOMM di Berlino nel settembre 2011.
    Con l'assegnazione del "Premio speciale di produzione MArteLive 2010", Il Management del Dolore Post-Operatorio entra nel roster dell'etichetta MArteLabel, e registra l'album d'esordio ufficiale "AUFF!!" a Ferrara con la produzione artistica di Manuele "Max Stirner" Fusaroli (Zen Circus, Luci della Centrale Elettrica, Nada, Tre Allegri Ragazzi Morti, Teatro degli Orrori). Dal giorno della pubblicazione di "AUFF!!" – il 5 febbraio 2012 per MArteLabel - il percorso di crescita del gruppo abruzzese si impenna con un tour ininterrotto di concerti.
    Il MADE DOPO (abbreviazione ufficiale del nome della band) sale sui palchi di tutta Italia, indossando bizzarri pantaloni bicolor rosso-blu di memoria giullaresca-medievale, e colleziona recensioni del disco e report live pluristellate, lunghissimi e benevoli articoli su quotidiani, siti e magazine musicali (La Repubblica XL in primis), interviste per grandi network radiofonici (Radio Rai), segnalazioni speciali (MTV New Generation nell'ottobre 2012) e citazioni in pubblicazioni e tesi di laurea. La loro carriera musicale si costruisce soprattutto davanti alle folle assetate di musica dal vivo: in meno di due anni contano più di 150 concerti, spesso in sold out, in tutta Italia e all'estero (sono protagonisti anche allo Sziget Festival di Budapest nell'estate del 2012).
    Verso la fine del 2012 sono ospiti speciali al MEDIMEX di Bari con un concerto sold out. Contemporaneamente concorrono alle selezioni di Sanremo Giovani, giungendo all'ultima fase dei provini live, con il plauso dichiarato dei media e il pieno sostegno dei fan. Nel settembre del 2013 a Faenza il MEI assegna al gruppo ancora un premio, questa volta come "Miglior band emergente live dell'anno", nonostante o forse soprattutto per la prova di carattere dimostrata durante il concerto più famoso della loro vita: il Concerto del Primo Maggio 2013 a Roma. Durante la loro performance, il gesto teatrale e simbolico dell'elevazione di un preservativo come se fosse un'ostia (il cui video sul canale You Tube della RAI raggiunge le 70.000 views in 3 giorni), suscita contrastanti reazioni emotive in tutti gli spettatori, e provoca l'immediata reazione della RAI e dell'organizzazione, i quali interrompono anticipatamente la messa in onda e anche l'esibizione del gruppo in piazza.
    Si scatena così una vera e propria tempesta mediatica, che ha coinvolto e stimolato profondamente persone di ogni età, estrazione sociale, fede e credo politico in un acceso dibattito morale, in cui si sono pronunciate anche persone in vista come Fiorello, Piero Pelù, gli Elio E Le Storie Tese, Paolo Bonolis.
    This item has been hidden
  • Underdog Play all

    Underdog è un nome, una suggestione, un progetto che prende spunto dalla biografia di Charles Mingus "Beneath the Underdog".

    L'obiettivo è una miscela ritmica di sonorità diverse tra loro e molteplici stili che trovano ispirazione (tra gli altri) in Kurt Weill, Nick Cave, Tom Waits e nell'elaborazione musicale di gruppi come Einstuerzende Neubauten, Brainiac, Primus.

    La musica degli Underdog è un gioco di contrasto tra una voce maschile schizofrenica e nasale e un cantato femminile angelico e bellissimo. Il gruppo nasce e si evolve in forma aperta: collaborazioni e rivisitazioni dei brani avvengono di continuo, facendo perno sull'ideale jazz e sul concetto artistico di performance. Ogni voce e suono del gruppo si accosta ai brani in modo fine ed istintivo, premiando sia l'armonia che il rumore, Così paradossalmente nasce la struttura di ogni brano: teste che suonano e rifiutano i dogmi.

    Il 2007 è un anno di svolta per la band che, vincendo il concorso MArteLive, si aggiundica diversi premi tra cui in particolare il contratto discografico con Altipiani Records e la realizzazione del videoclip a cura di Solobuio Videoproduzioni "Spectra" (singolo tratto da "Keine Psychotherapie") che entra in rotazione su Music Channel e vince il premio miglior videoclip al Meeting delle Etichette Indipendenti.


    Il 2009 vede l'uscita del primo album "Keine Psychotherapie" prodotto da Altipiani Records in cooproduzione con la neonata MArteLabel. Nel 2010 sono finalisti del concorso "Primo Maggio Tutto l'Anno" e vincitori del premio "Rai Trade e Next Exit" per la miglior performance. Finalisti con "B-Line" del concorso di "Coverville" su Life Gate Radio. Ospiti all'"Avantgardè Festival" di Amburgo e a Villa Ada di Roma per "Roma incontra il mondo" con Luigi Cinque e Hipertext O'rchestra.

    Nel 2011 si esibiscono durante la serata di presentazione dell'etichetta MArtelbel, all'interno della rassegna Generazione X, all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Successivamente sono stati ospiti nella "StadtfischFlex Orchestra" con Uwe Bastiansen (Faust) e Geoff Leigh (Henry Cow).

    Durante il 2012, in parallelo con le registrazioni dell'album "Keep Calm", prosege il tour della band e saranno votati come migliore rivelazione live per il mese di Febbraio 2012 dai direttori artistici dei live club del circuito KeepOn. Dopo il successo di critica e pubblico del primo lavoro "Keine Psichotherapie" (2009), è uscito il 15 novembre 2012 "Keep Calm" secondo album della band, anticipato a settembre dall'EP digitale "Empty Stomach". Immagini estreme e suoni violenti a creare atmosfere brutali e totalizzanti di un disco in cui gli strumenti sono stati d'animo, ombre e sensazioni che si incontrano.

    Nell'agosto del 2013 si esibiscono a Budapest sui palcoscenici dello Sziget Festival, uno delle più importanti manifestazioni musicali europee, evento al quale hanno partecipato anche altri due artisti di casa MArteLabel, Roberto Dellera e Marzia Stano aka UNA.
    This item has been hidden
  • MArteLabel Fest tour 2013 Play all

    This item has been hidden
to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...