Upload
640

Subscription preferences

Loading...

Loading icon Loading...

Working...

thruth3

A cosa servivano realmente le piramidi? Play

La truffa planetaria non riguarda solo Moggi, la Juve, le banche e tutto il resto.
Anche la storia è truccata. Un complotto di egittologi, ad esempio, difende il potere dei baroni universitari trincerandosi dietro a teorie ormai superate. E questo complotto criptofaraonico prospera anche grazie all'appoggio di Focus, la Macchina del Tempo e Discovery Channel che truccano le moviole.
Riassumiamo qui le evidenze storiche.
1- Le mastabe (definite ufficialmente tombe) che si trovano nei pressi della Sfinge, e la Sfinge stessa, hanno le basi corrose dall'acqua (forme arrotondate e non intagliate dal vento). Quindi vanno retrodatate a almeno 6000 anni a.C. quando ancora la zona veniva periodicamente allagata dallo straripamento del Nilo.
2- Le mastabe sono parallelepipedi di pietra massicci, dal tetto parte un pozzo che raggiunge una cisterna. Simili costruzioni erano efficienti sistemi per pescare acqua pulita all'interno di una palude: la massa di terreno tra la palude e il pozzo fungeva da filtro potabilizzatore. Sistemi simili erano usati, fin dal neolitico, in molte parti del mondo.
3- Si trovano grandi piramidi solo nelle aree che erano paludose intorno al 6000 aC. lungo grandi fiumi o laghi, in Sud America e Indocina.
Queste piramidi hanno forma tronca e una costruzione di pietra in cima. Altre piramidi si trovano in Cina, in nessun caso sono a punta. Questo accade solo in Egitto. Nella maggioranza delle piramidi di tutto il mondo è tuttora visibile un pozzo che finisce generalmente in una cisterna sotterranea.

Matriarcato e patriarcato Play

E se la storia della nostra civiltà europea non fosse iniziata con la vittoria del patriarcato, con le guerre e le gesta gloriose degli eroi e degli dei dell'Olimpo? E' quanto dimostra l'archeologa Marija Gimbutas che ha riportato alla luce nelle sue campagne di scavo nel cuore dell'Europa le tracce di una raffinata civiltà protoeuropea pacifica, da lei chiamata civiltà dell'Antica Europa, che non conosceva l'uso delle armi, non aveva fortificazioni, e la cui cultura era legata al ciclo della natura: vita, morte e rigenerazione, simboleggiate dalla Dea. Saranno le progressive ondate migratorie di popolazione indoeuropee provenienti da est e dalle steppe, che dal 3500 in avanti arrivano con il cavallo e la spada, e con una precisa struttura gerarchica e guerriera alle spalle - i cosiddetti Kurgan - a demolire lentamente ma inesorabilmente la pacifica civiltà dell'Antica Europa, e con essa la religione che venerava la Dea, origine di tutte le cose viventi, energia incessante che genera tutte le forme. Ma il femminile come presenza sacra con cui dialogare permane lungo i millenni nelle figure, nei simboli negli oggetti, nei canti e nelle danze, nel folclore, memoria iscritta nelle nostre cellule....

Per approfondimenti si consiglia la lettura del romanzo storico-mitologico "La Stirpe del Serpente" di Serafino Massoni

Reperti archeologici inattesi Play

Il concetto di progressione evolutiva dalle forme sociali materne a quelle paterne rimane ancora oggi un tema centrale nel dibattito sul matriarcato. Il libro più citato al riguardo è quello di Friedrich Engels, Ursprung der Familie, des Privateigentums, und des Staats (L'origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato). Attingendo fortemente da Bachofen, Morgan, e McLennan, Engels argomenta che la transizione dalle società dei primati a quelle umane con strutture sociali più antiche avvenne grazie al valore sociale della solidarietà femminile, che trascendeva la competitività sessuale e la gelosia, legate alla presunta pratica comune del matrimonio di gruppo. In questo tipo di matrimonio si riteneva che la discendenza dovesse essere rintracciata secondo il lignaggio femminile perchè solo la madre del bambino era conosciuta. Il debito di Engels verso i suoi predecessori si riflette nell' uso che fa del termine Mutterrecht , come pure nel suo modello della presunta progressione dal materno al paterno, in cui parla di "sconfitta storica del sesso femminile" allorché gli uomini "presero il comando della casa". Engels non usa il termine "matriarcato" anche se Mutterrecht è molto vicino.
Loading...
Working...
Sign in to add this to Watch Later

Add to