Loading...

Fiom. Viaggio nella base dei metalmeccanici. Trailer in English

631 views

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Oct 30, 2012

Il documentario nasce da un progetto di Giuliano Bugani in seguito all'Accordo sulle Rappresentanze Sindacali firmato da CGIL, CISL, UIL e dalla Confindustria il 28 giugno 2011, e, contro il quale, la base FIOM sciopera per la prima volta nella sua storia contro il Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso. Il documentario attraversa città di tutta Italia nelle voci e nelle immagini di lavoratrici e lavoratori FIOM e RSU di fabbrica, portando alla luce il disagio e la rabbia degli iscritti sulle conseguenze dell'Accordo del 28 giugno 2011, ma non solo. Simbolica la figura di Giorgio Cremaschi, storico sindacalista e leader della FIOM, che fa da filo conduttore tra le tematiche delle lavoratrici e dei lavoratori intervistati.
Le riprese del documentario - alternate anche da spezzoni di filmati storici - cominciano nel settembre 2011, attraversando fasi politiche cruciali quali la caduta del Governo Berlusconi e l'insediamento del governo tecnico con le sue riforme, l'innalzamento dell'età pensionabile, la cancellazione dell'Articolo 18 e la Riforma del Welfare, senza che vi sia stata un'ora di sciopero da parte della CGIL. Il documentario ripropone le fasi della lotta isolata della FIOM, dallo sciopero nazionale di Roma del 9
marzo 2012, ad altre assemblee e scioperi articolati di zona proseguiti nella primavera del 2012. Il film pone le sue battute d'arresto con la sconfitta delle lotte FIOM e la cancellazione dell'Articolo 18, in seguito alla quale anche la stessa dirigenza della Camusso viene duramente messa in discussione.
FIOM. Viaggio nella base dei metalmeccanici è stato interamente autoprodotto anche grazie al supporto della band Assalti Frontali (Profondo Rosso, 2011) e di Gianni Paci e Dario Baldini, che hanno regalato le musiche, e all'aiuto organizzativo delle molte persone che hanno preso a cuore il progetto. Il film è dedicato a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori.

GIULIANO BUGANI (Ozzano Emilia BO, 1961) è operaio metalmeccanico, poeta, scrittore, giornalista e autore dei documentari Liberate Silvia (2005), I ragazzi del Salvemini (2007), Quella notte al Leoncavallo (2007), Anno 2018: verrà la morte (2008), Il falso piano (2011), Uomini da bruciare (2011),
La mia bandiera. La resistenza al femminile (2011).

DANIELE MARZEDDU (Bentivoglio BO, 1978) è fotografo e videomaker freelance e autore dei film In ricordo di Gilberto (2005), Il libro in piazza (2005), Tram/andare in poesia (2006), Leggere per stare meglio (2006), La biblioteca della città. Dai lavori agli scrittori (2006), Vivere a fuoco (2006), Laguna artigiana (2006), Cipsi: Campagna "Libera l'acqua" (2008), Keith Haring in Milan (2009), cameraman
per 4 aprile: Caccia grossa (2009), Sorpasso d'asino (2011).

CREDITS
Soggetto e sceneggiatura GIULIANO BUGANI. Fotografia e montaggio DANIELE MARZEDDU. Interviste in manifestazione GIOVANNA ALBANO. Supervisione al montaggio MARCO SORRENTINO. Suono CORRADINO "DINDO" CORRADO. Musiche ASSALTI FRONTALI / GIANNI PACI e DARIO BALDINI.
Fotografo di scena ETTORE SALVIATO. Autoprodotto da GIULIANO BUGANI e DANIELE MARZEDDU

ENGLISH TEXT

The documentary was written, produced and directed by Giuliano Bugani, inspired by a trade union agreement signed on June 28, 2011 by the unions CISL, UIL and the tade union confederation CGIL. As a member of CGIL, the metalworkers union FIOM decided to protest the signing by striking against CGIL chief Susanna Camusso, the first strike of its kind in history.

Traveling through multiple Italian cities and towns, the documentary talks to a number of male and female members of FIOM who share their outrage over the deal and the consequences they had to suffer.

Giorgio Cremaschi, historic trade unionist and FIOM leader, becomes a symbolic character of the film, explaining, in his view, the plight of the Italian worker.

The interviews featured in the documentary started in September 2011 and cover crucial political events such as the fall of the Berlusconi Government and the establishment of the Monti Government, with its reforms such as raising the
retirement age, removing Article 18 of the Italian Workers Statute, and amending welfare laws - moves that failed to prompt even one hour of strikes by CGIL.

The documentary outlines the stages of the struggle of the isolated FIOM, including a national strike on March 9, 2012 in Rome, and other meetings and
strikes in the spring of 2012.


Giuliano Bugani is a metalworker and journalist.
Daniele Marzeddu is a photographer and filmmaker.

The soundtrack was composed by the hip-hop band Assalti Frontali
from the album "Profondo rosso" (2011)
assalti-frontali.com

  • Category

  • Song

  • Artist

    • Assalti Frontali
  • Album

    • Profondo rosso
  • Licensed to YouTube by

    • Believe Music (on behalf of Daje Forte Daje Records), and 1 Music Rights Societies

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...