Loading...

Ruoppolo Teleacras - 3 tentati omicidio, 8 arresti

32,301 views

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Jul 15, 2009

Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-... ) del 13 luglio 2009. Operazione della Dda e della Squadra mobile di Caltanissetta. 8 arresti per 3 tentati omicidio. In carcere anche il presunto reggente di Niscemi. (per il video in Alta qualità clicca su HQ in basso a destra dello schermo).
Ecco il testo:
Sarebbe stato, ed invece non lo è stato, sangue versato della faida tra il clan di Cosa nostra dei Madonia e la "Stidda" di Gela. Un conflitto a fuoco tra i più infuocati della storia criminale siciliana. Quasi 100 morti ammazzati solo nel 1991. Adesso, 3 tentati omicidio dell' epoca sanguinaria sono stati svelati dalla Squadra mobile di Caltanissetta, agli ordini di Giovanni Giudice, e dalla Direzione distrettuale antimafia nissena, capeggiata da Sergio Lari. 8 arresti 20 anni dopo il fallito agguato mortale contro Salvatore Bacarella, Salvatore La Russa e Marcello Sultano che, dal 2006, collabora con la Giustizia. Bacarella, La Russa e Sultano sono stati aggrediti da una pioggia di proiettili il pomeriggio del 18 marzo del 1989 a Gela, in via Crispi. I killer hanno sparato colpi di pistola calibro 7 e 65, calibro 38 e di fucile calibro 12. Le tre vittime designate sono scampate alla morte, miracolosamente, nonostante Sultano e Bacarella fossero stati feriti gravemente. Infatti, il blitz di oggi è stato intitolato " Imago mortis " , che tradotto dal latino significa " L' immagine della morte ", come se i tre, bersaglio della sparatoria, avessero visto la morte in faccia. Adesso, le indagini, sostenute anche dai Commissariati di Gela e Niscemi, e che si sono avvalse delle dichiarazioni di alcuni pentiti, hanno ricostruito, un tassello dopo l' altro, il mosaico della triplice imboscata armata. Su richiesta del Procuratore Lari, e dei sostituti Domenico Gozzo ed Antonino Patti, il Gip del Tribunale di Caltanissetta, Alessandra Giunta, ha firmato il mandato di cattura per gli 8 presunti responsabili, che sarebbero affiliati alle famiglie di Cosa nostra dei Madonia di Gela e Niscemi. Ecco gli arrestati: Antonino Pitrolo, 52 anni, presunto capomafia di Niscemi. Poi i gelesi Giovanni Di Noto, 54 anni, Salvatore Burgio 43 anni, Marco Ferrigno 38 anni, Emanuele Argenti 53 anni, Emanuele Iozza 48 anni, Carmelo Tasca 44 anni, e Vincenzo Minardi 51 anni.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...