Loading...

AGOSTA - COME UN FIORE

18,792 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Dec 19, 2016

Artista: AGOSTA
Brano: COME UN FIORE


AGOSTA
Paolo Agosta: Voce, Chitarra e pianoforte
Pierpaolo Mazzella: Chitarra
Fabrizio "Bicio" Grenghi: Chitarra
Nando de Luca: Basso
Manuel Signoretto: Batteria


CREDITS VIDEO:
Regia: Paolo Agosta
Soggetto: Paolo & Davide Enrico Agosta
Montaggio: Paolo Agosta
DOP: Davide Enrico Agosta
Color correction: Isabella Giossi
Location: JU-STO Milano
Produzione Esecutiva: AGOSTA Band


CREDITS MUSICA:
Testo e musica: Paolo Agosta
Produzione esecutiva e artistica: AGOSTA
Arrangiamenti: Paolo Agosta
Paolo Agosta: Voce, Chitarra e programmazioni
Pierpaolo Mazzella: Chitarra
Fabrizio "Bicio" Grenghi: Chitarra
Nando de Luca: Basso
Manuel Signoretto: Batteria
Francesco Coletti: Pianoforte
Registrato presso il Bunker Home Studio e il Massive Arts Studio - MI
Mix: Donato Romano presso il Massive Arts Studio
Assistente fonico: Gianmarco Manilardi
Mastering: Alberto Cutolo presso il Massive Arts Studio
Distribuzione digitale: Artist First
Promozione: RECmedia - Filippo Broglia

____________________________________________________________________

Tit: COME UN FIORE
Autore: Paolo Agosta

Quanto vorrei,
venire a consolarti solo anche per un istante,
a dirti che l'inverno e' solo di passaggio anche se qui,
passano gli anni e sono passati tanti inverni,
è sempre crisi, e' sempre freddo, è sempre il solito dannato inferno.
Quanto vorrei che ci svegliassimo dall'incubo che ci tiene imprigionati
mani, piedi, testa e cuore,
a qualche cosa che non sa di vita
e quando vago in giro, e' come se vedessi il mondo da una vecchia cartolina ..
Quanto vorrei tornassi a ridere con gli occhi,
come nei magnifici 90.

Quando sentì che
cI vorrebbe il sole,
sorge dentro te,
dalle tasche vuote,
sorge dentro te,
la rivoluzione.

Rivoluzione e' quando nasce un fiore su uno sporco marciapiede,
quando non fai più il pieno e torni alle due vecchie ruote,
quando non guardi storto lo straniero,
è quando dai rispetto ad un malato,
è quando fai denuncia di un reato.
Rivoluzione per scrollarsi via le mele marce,
i rami secchi e i parassiti mai precari,
è quando ti metti una mano sopra la coscienza,
per non accettare più che la tua dignità sia lesa.

Quando sentì che
cI vorrebbe il sole,
sorge dentro te,
dalle tasche vuote,
sorge dentro te,
la rivoluzione.

Perché senti che
cI vorrebbe il sole,
sorge dentro te,
dalle tasche vuote,
cresce dentro te,
La rivoluzione.

Sorge dentro te,
Lotta come un fiore.

  • Category

  • License

    • Standard YouTube License

Loading...

Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...