Upload

Loading...

Da Chernobyl a Caorso - Parte 1º

1,802 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Apr 19, 2011

Il 26 aprile del 1986 a Chernobyl, in Ucraina, nell'ex URSS, esplose uno dei reattori della centrale nucleare a seguito di uno "stress test non riuscito".
Ciò che ne conseguì fu una delle più immani tragedie della Storia, probabilmente la più grave avvenuta a seguito di un incidente ad una centrale elettronucleare.
La contaminazione del suolo, dell'aria e dell'acqua provocata dalle polveri radioattive, ha trasformato un'area del territorio al confine tra Ucraina, Bielorussia e Russia grande due volte l'Irlanda, in una delle zone più inquinate del mondo. La nuvola dei vapori proiettati in aria si è propagata pressoché su tutta Europa, avvelenando tutto ciò che entrato in contatto con essa.
La percentuale dei decessi e dei malati provocati da quella catastrofe è enorme. La contaminazione maggiore, che sta minando il patrimonio genetico delle popolazioni più direttamente interessate, causa malformazioni e malanni che si registrano oggi e che si protrarranno per centinaia di anni.
Allora il regime sovietico tentò di insabbiare l'incidente e poi di minimizzarne le conseguenze. Le stesse menzogne che udiamo oggigiorno per bocca dei rappresentanti del governo giapponese. I lobbisti e i governi interessati allo sviluppo di questa follia velenifica non hanno interesse a far trapelare ciò che davvero significa avere al proprio fianco uno di questi mostri baluginanti e terribili.
Allora come adesso i negazionisti celano la verità su questa immane catastrofe, così come i nazifascisti hanno tentato di occultare la mostruosità dell'olocausto. Ogni regime cela un suo proprio corollario di scheletri negli armadî, opportunamente occultati.
L'evidenza di Chernobyl e di tutto l'abominio nucleare si protrarrà per centinaia di anni, condannando tutte le generazioni a venire a fare i conti con le scorie e i disastri generati oggi.
A Caorso lampeggiano i resti della "punta di diamante" dell'industria di morte creata nella Prima Repubblica, e apparentemente seppellita dal referendum abrogativo del 1987. In verità Caorso lavora a basso regime. E l'attuale governo ha, infischiandosene della volontà popolare, preconizzato il rilancio del nucleare italiano. Lo Stato italiano senza appellarsi a nessun altro se non alle proprie gerarchie e a tutti coloro che da questa stortura, tra tutte la più evidente, avranno da guadagnarci, ha deciso di rigettarci in questo incubo.
A Caorso il 23 aprile, a distanza di 25 anni, per commemorare le vittime di Chernobyl, si svolgerà un corteo per protestare e per opporci all'abiezione totale di questo progetto. Sfileremo per manifestare il nostro sdegno e il nostro rifiuto e per urlare che non accetteremo questa follia: né a Caorso, né altrove!
Per ulteriori informazioni:
Assemblea Permanente Anti-Nucleare -- Emilia Romagna - nonukeer@gmail.com
www.autistici.org/controilnucleare
È disponibile il video in HD a chi chiunque ne faccia richiesta a nonukeer@gmail.com
Dati e materiali informativi tratti anche dai siti www.progettohumus.it e www.greenpeace.org/italy/it/
Si ringraziano tutti coloro i quali, a titolo personale o associativo aderiranno a questa e alle ulteriori iniziative contro il nucleare che seguiranno.

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...