Loading...

Autoinchiesta sul precariato in italia - Presentazione - Siena 8/12/2008

645 views

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Uploaded on Dec 11, 2008

I ricercatori, i dottorandi, gli assegnisti, i docenti a contratto, i titolari di borsa di studio, tutti noi precari della ricerca in Onda indiciamo un incontro e una conferenza stampa nazionali a Siena, per dire ancora una volta no ai tagli indiscriminati all'Università pubblica e alla sua privatizzazione, e per lanciare la prima auto-inchiesta nazionale che denuncerà la nostra reale condizione lavorativa all'interno degli atenei e certificherà l'elevata qualità della nostra attività scientifica, di cui le recenti leggi hanno deciso di privare l'università italiana.
Noi, che ne siamo da sempre la parte sana e produttiva, vogliamo continuare a costruire atenei in cui la ricerca sia svincolata da interessi privati e il sapere libero e accessibile a tutti, indipendentemente dal censo e dalla provenienza geografica.
L'incontro si terrà Lunedì 8 dicembre alle ore 10 presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Siena, aula 13, primo piano del complesso San Niccolò, Via Roma 56. Alle ore 15, nello stesso luogo, si terrà una conferenza stampa, in cui sarà presentata la campagna nazionale di auto-inchiesta.
La giornata si concluderà con la contestazione a Gianni Letta, che si troverà a Siena per ricevere il Premio Frajese dal direttore del Corriere di Siena, presso il Santa Maria della Scala, alle ore 18.

La scelta di riunirsi nella città toscana non è stata casuale, ma dettata dalla situazione emblematica dellAteneo senese. In seguito a una pesante crisi finanziaria, lo scorso 17 novembre gli Organi dellUniversità degli Studi di Siena hanno approvato il drastico Piano di Risanamento 2009-2012 che rappresenta, di fatto, la prima applicazione su scala nazionale della futura riorganizzazione imposta all'università dai tagli della 133 e crea i presupposti per la trasformazione dell'ateneo senese in una fondazione privata. Il piano (in evidenza sulla home page dell'ateneo, www.unisi.it) colpirà maggiormente i precari della ricerca: docenti a contratto, assegnisti, dottorandi, per cui verranno tagliate risorse fino al 75%.
Non a caso, il progetto, che fa dellAteneo senese il laboratorio della nuova riforma universitaria, è stato seguito dal Governo - nelle figure di Gianni Letta, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, e Gaetano Quagliariello, vice capogruppo del PdL al Senato - il quale ha anche indicato come proprio rappresentante nel CdA dell'Università di Siena David Cantagalli, imprenditore locale di area PdL. La copertura governativa ha permesso al Rettore di procedere in maniera verticistica, scavalcando spesso gli stessi Organi accademici, tralasciando la consultazione delle diverse componenti della comunità accademica e nominando come nuovo Direttore Amministrativo Emilio Miccolis, nonostante il parere contrario del Consiglio di Amministrazione.
Come hanno affermato gli stessi Letta e Quagliariello, le misure del piano di risanamento senese si estenderanno ad altri atenei italiani: individuiamo in ciò un durissimo attacco alla qualità dellUniversità pubblica, privata della forza-lavoro intellettuale rappresentata dalla sua componente più giovane e dinamica, l'unica in grado di garantire innovazione e diversificazione tanto nella ricerca quanto nella didattica. Inoltre, queste misure arrecheranno un danno enorme agli studenti, che contribuiscono in maniera decisiva al bilancio degli atenei ma che si troveranno a fare i conti con una drastica riduzione dellofferta formativa e non potranno più beneficiare del confronto con chi, come noi, rappresenta il primo anello di congiunzione tra l'elaborazione del sapere e la sua trasmissione e applicazione.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...