Loading...

DEBUSSY : Estampes - pianista Bruno Canino

32,182 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Dec 16, 2011

I concerti di RAI 3
Dall'Aula Magna dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" il pianista Bruno Canino interpretò nell'anno 1996 l'opera pianistica di Claude Debussy in una serie di tre concerti che io ho registrato in cassette VHS.
Allora si poteva fare, la Rai trasmetteva regolarmente musica classica di ottimo livello sia artistico che tecnico.
Credo sia giusto pubblicare questi concerti non tanto come appassionato di musica, ma per rendere omaggio alla straordinaria bravura del pianista Bruno Canino, che in quelle serate riusci a stupire i presenti e anche i telespettatori sia per aver imparato a memoria tutta l'opera pianistica di Debussy, sia per le sue straordinarie doti di pianista di altissimo livello.

ESTAMPES - note informative

Estampes è il primo dei numerosi cicli pianistici in cui Debussy si ispira a paesaggi, soggetti esotici, popolari e letterari, con l'intento di evocare magiche suggestioni e atmosfere lontane. L'opera si compone di tre brani, in cui il compositore sfrutta per la prima volta la completa tavolozza di colori e timbri del pianoforte, evolvendo il proprio linguaggio compositivo ad una forma compiuta: il suo stile è descrittivo, una sorta di quadro impressionistico di luoghi e paesaggi, ricco di riferimenti extramusicali. In questo periodo, Debussy matura la consapevolezza che il suono ed i suoi parametri fisici - lunghezza d'onda, frequenza e timbro - rivestono la medesima importanza di altri aspetti canonici della composizione musicale, come l'armonia e il ritmo. Non è difficile percepire come queste idee avrebbero condotto alle più grandi rivoluzioni estetiche e musicali del secolo passato.

1 - PAGODES
Il pezzo evoca immagini di Asia orientale, fa ampio uso di scale pentatoniche e imita melodie tradizionali cinesi e giapponesi, mentre incorpora anche un accenno di percussioni gamelan giavanesi.
Poiché si tratta di un'opera impressionista, l'obiettivo non è di evidente espressività, ma piuttosto l'accento sul lavaggio dei colori che rappresentano la consistenza dei lavori. Segna Debussy nello spartito che dovrebbe essere suonato "Nuance presque sans", o "quasi senza sfumature." Questa rigidità di ritmo aiuta a ridurre l'inclinazione naturale dei pianisti di aggiungere rubato e di espressione eccessiva. Da notare che la rigidità del ritmo nell'ambito delle misure non significa rigidità. Notevole anche su Pagodes è l'uso estensivo del pedale sostenuto, il pedale centrale su un pianoforte moderno. Questo viene fatto ogni volta che il pedale tonale deve essere trattenuto, in quanto il pezzo deve mantenere la sua natura percussiva senza essere oscurato da costante applicazione del pedale.

2 - SOIREE DANS GRENADE
Utilizza la scala araba e mima la chitarra strumming che evoca immagini di Granada, in Spagna. Al momento della sua scrittura, Debussy, che aveva avuto solo esperienze personali con il suo paese, è stato un paio d'ore trascorse in San Sebastián. Nonostante questo, il compositore spagnolo Manuel de Falla ha detto di Soirée, "Non c'è nemmeno una misura di questa musica in prestito dal folklore spagnolo, ma l'intera composizione nei suoi dettagli più minuti, esprime mirabilmente Spagna"

3 - JARDINS SOUS LA PLUIE
Descrive un giardino durante un temporale violentissimo. In tutto il pezzo, ci sono sezioni che evocano i suoni del vento che soffia, un temporale infuria, e gocce di pioggia cadute. Si avvale della n'irons francese melodie popolari Nous plus aux bois (Noi non ricadere nella foresta) e Dodo, L'Enfant do (dormi, Bambino, dormi). Cromatica, esatonale, maggiori e scale minori sono utilizzati in questo movimento.

  • Category

  • License

    • Standard YouTube License

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...