IT

Loading...

è Zezi - Sant'Anastasia

54,604 views

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Dec 27, 2007

è Zezi - Sant'Anastasia
live @ Pozzuoli (na)
15 settembre 2007
www.zezi.it
Nel 1974 intorno a un gruppo di lavoratori dell'Alfasud di Pomigliano d'Arco nasce un collettivo musicale e teatrale per cantare le lotte della fabbrica sui ritmi delle tarantelle e delle "tammurriate".E' l'inizio del Gruppo Operaio E ZEZI, la piu'straordinaria esperienza di fusione tra musica popolare e canzone politica mai avvenuta in Italia.
Gianfranco Capitta ha scritto: "[...] rispetto ai cugini "colti" della Nuova Compagnia di De Simone, E ZEZI hanno sempre associato il loro nome alla realta' operaia: Pomigliano d'Arco (che pero' vuol dire anche santuario con tutte le tradizioni e le radici annesse ...), l'Alfasud, o l'Alfa-Fiat come si chiama oggi.
Adesso che tutto sembra cambiato, la fabbrica e le automobnili si avviano a sparire, ma E ZEZI restano. Piu' forti e aggressivi di prima. Perfino "piu' bravi" se e' possibile e se ha un senso l'aggettivo. La loro notorieta' ha passato i confini, in Francia sono oggetto di un piccolo culto. Hanno dato la scossa agli eleganti giardini parigini del Luxembourg, e una staffilata al grande festival di Nantes (cinquemila spettatori impazziti dentro un hangar).

Nel rimescolamento dei linguaggi e nella babele della musica, la loro coerenza resta un caposaldo: come gli antichi guaritori (un po' medici, un po' illusionisti) il loro ritmo comunica direttamente con il sangue, i nervi, il midollo dello spettatore. Impossibile non reagire alle loro canzoni, non battere il piede alle loro tammurriate, non cercare il movimento liberatorio verso una qualche, laica, "guarigione" ... Ti commuovono fino allo strazio, ti imbelviscono con la loro rabbia. Hanno una carica talmente forte che sembrano venire da prima della storia. Invece ci sono dentro e non ne vogliono uscire, non si pentono, e sono capaci di farti divertire anche delle disgrazie, tue e loro. Hanno resistito all'eruzione del degrado napoletano, e continuano a pulsare, sotto quella lava, col ritmo greve e acuto dei loro strampalati strumenti.

Sono un gruppo musicale, ma anche un'entita' politica, un agglomerato etnico. In guerra col mondo e col suo marciume. E per fortuna impediscono, a chiunque li ascolti, di non schierarsi con loro. Come per una antico sortilegio pagano."

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...