Loading...

euronews futuris - Disegno e giochi tengono a bada il Parkinson

761 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on May 1, 2012

http://it.euronews.com/ Cronico, degenerativo e incurabile, il morbo di Parkinson colpisce cinque persone su mille tra gli ultrasessantenni europei. I ricercatori puntano sulle tecnologie più recenti per favorire la diagnosi precoce e fornire ai pazienti terapie riabilitative avanzate. Il racconto dei protagonisti:

"Ho perso la mobilità del mio braccio sinistro. Non funzionava bene. Mi sono accorto che qualcosa non andava".




"I miei problemi sono iniziati 11 anni fa. Andai dai medici che mi diagnosticarono il morbo di Parkinson. Era il 2002".

"Ora non posso lavorare spesso in giardino, almeno non quanto prima. Mi piacevano le cose elettroniche, ero solito saldare piccoli componenti. Ora è impossibile per me. Non posso farlo più".




Queste persone soffrono di una malattia incurabile di cui in Europa si contano 75mila nuovi casi all'anno. Si sono offerte volontarie per la ricerca di nuove diagnosi e strumenti di riabilitazione. Questa è la storia di come pazienti e ricercatori europei abbiano unito le forze per combattere il morbo di Parkinson.

In questo ospedale in Olanda è in corso un esperimento insolito su una paziente di 68 anni colpita dalla malattia:

Harmien Floor-Schotten, paziente: "Ho iniziato a soffrire di dolori alla parte bassa della schiena, ma ci sono voluti quasi tre anni perché i medici diagnosticassero il morbo di Parkinson".

La difficoltà della diagnosi l'ha spinta insieme con altri volontari - sia persone colpite dal morbo, sia personale sanitario - a partecipare a una sperimentazione finalizzata a testare una penna rivoluzionaria, progettata per aiutare a identificare lo stadio iniziale della malattia.




Esther Smits, ricercatrice Università di Medicina, Groningen: "Dobbiamo misurare l'attività muscolare così possiamo vedere che cosa succede ai muscoli quando i volontari muovono i loro arti per fare i disegni".

I disegni delle persone colpite dalla malattia e dei volontari vengono messi a confronto. Secondo gli scienziati, questo aiuta a stabilire se un paziente è colpito dal morbo di Parkinson o da altri disturbi neurologici meno gravi.




Natasha Maurits, ingegnere biomedico, Università di Medicina, Groningen: "Troviamo delle differenze evidenti tra le persone sane e i pazienti copiti dal Parkinson. Da un lato queste differenze sono ciò che ci aspettavamo. Per esempio i pazienti con il Parkinson si muovono più lentamente, ma abbiamo rilevato diferenze inaspettate. Per esempio abbiamo notato che questi pazienti sviluppano una calligrafia molto più piccola, anche se non lo notano. Questo particolare può essere un elemento importante per la diagnosi".

La penna è stata progettata e costruita dagli scienziati nell'ambito di un progetto di ricerca dell'Unione Europea. Il propotipo è dotato di sensori che aiutano a capire i complessi processi di coordinamento usati dal sistema nervoso durante la fase di scrittura.

Rutger Zietsma, coordinatore del progetto DiPAR: "L'abbiamo costruito in base a delle tecniche di registrazione della scrittura e dei movimenti. Iniziando con le tavolette digitali per registrare la scrittura e usando anche sistemi di analisi dei movimenti per ossevare quelli della parte alta del corpo e degli arti. Dopo abbiamo costruito il sistema della penna con diversi sensori e tecniche di analisi dei dati. Abbiamo sviluppato algoritmi capaci di analizzare i movimenti, il controllo attraverso il movimento nel sistema nervoso degli utenti".

Le prossime fasi della sperimentazione pre-clinica prevedono il confronto fra la scrittura delle persone con il morbo di Parkinson e quelle colpite da tremori e altri disturbi dei movimenti.
Una diagnosi precoce, secondo i medici, è la chiave per dare ai pazienti i migliori consigli, monitorare e fare riabilitazione.




Natasha Maurits, ingegnere biomedico, Università di medicina, Groningen: "Ci auguriamo di avere uno strumento facile da usare e che in 10 o 15 minuti dia gli elementi che consentono di fare la diagnosi. Non penso che diremo con certezza che si tratta di il Parkinson, non è possibile. Ma potremo dire se ci sono gli elementi per sottoporsi a una visita neurologica".




Nico Leenders, neurologo, Università di medicina, Groningen: "Possiamo fare una distinzione tra il Parkinson e gli altri problemi, come il tremore. O possiamo ritenere che forse è un problema di movimento, ma legato all'età e che non degenerà nel morbo di Parkinson. In questo modo sarà possibile diagnosticare con maggiore precisione il futuro del paziente".




Si seguono:
Su Youtube http://bit.ly/wV2enX
Su Facebook : http://www.facebook.com/euronews.fans
Twitter: http://twitter.com/euronewsit

Loading...

Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...