Loading...

AI CADUTI DEL 4° ALPINI SULL'ISONZO

1,854 views

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Jul 10, 2011

Oltre 650.000 furono i caduti italiani durante la prima guerra mondiale e tanti di questi morirono sul fronte dell'Isonzo. Notevole fu l'impegno dei reparti alpini. I Battaglioni del Quarto Reggimento dal 1915 al 1916 e poi ancora nel 1917, furono impiegati da Tolmino fino oltre Caporetto, per espugnare le creste delle montagne sulla riva sinistra dell'Isonzo che dalle elevazioni del Vodil s'impennano verso il Monte Nero e proseguono verso il Monte Vrsic. I reparti del Val Toce, dell'Ivrea, del Val Baltea dell'Intra e dell'Aosta, insieme ad altri battaglioni alpini, reparti della fanteria e dei bersaglieri, scrissero in questa zona pagine di assoluto eroismo umano e militare e lasciarono soprattutto migliaia di caduti. Nel 1919, a guerra terminata, alcuni battaglioni rimasero nelle zone teatro di battaglie e di distruzione, per la ricostruzione delle principali infrastrutture e per mantenere l'ordine pubblico, come nel caso della presa di Fiume da parte di gruppi armati comandati da Gabriele d'Annunzio. Per non dimenticare i tanti commilitoni uccisi, il Battaglione Aosta dopo aver costruito un monumento sul Monte Vodice a ricordo della vittoria del 18 Maggio 1917, eresse una cappella votiva poco distante dall'Isonzo, là dove sorgeva un cimiterino di guerra dei caduti del Quarto Reggimento Alpini. Percorrendo la valle solcata dal fiume che da Gorizia sale a Kobarid (Caporetto), oggi in Slovenia, poco oltre l'abitato di Tolmin, su una stradina tra Doljie e Gabrjie, si può ritrovare e vedere questa cappella votiva, conservata e ben tenuta nonostante i novant'anni ormai trascorsi. Un Gesù Crocifisso ed un alpino ai suoi piedi in atteggiamento reverenziale occupano il centro della costruzione e poi alcune lapidi con inciso un lungo elenco di alpini caduti, l'elenco di coloro che furono sepolti in quel cimiterino ormai scomparso. In alto, sopra le colonne d'ingresso campeggia ciò che gli alpini dell'Aosta, allora scrissero a caratteri cubitali: TORNERANNO.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...