Loading...

Omaggio a Maria Lai. Su cantu de is ossus

1,278 views

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Jun 29, 2013

MUSEO CASA PORCU SATTA -- ASSESSORATO ALLA CULTURA

ALLEGATO N. 1 AL VERBALEDELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE DEL 01/07/2013

GRADUATORIA CONCORSO "MARIA PIETRA -- OMAGGIO A MARIA LAI" PER LA SELEZIONEDI N°3 OPERE D'ARTE INEDITE DI VARIO GENERE (SCULTURA, PITTURA, INSTALLAZIONE,VIDEO, PERFORMANCE ART, ETC), CHE SARANNO OSPITATE NEI LOCALI DEL MUSEO CASAPORCU SATTA A PARTIRE DAL 4 LUGLIO 2013.

1° posto opera n°24, dal titolo "Su cantu de isossus"

OMAGGIO A MARIA LAI
Torniamo a lavorare su Maria Pietra dopo molti anni, Manuela, Cristina ed io.
Negli anni '90 Cristina mi propose di interpretare la protagonista della novella di
Salvatore Cambosu in uno spettacolo teatrale e mi fece conoscere Maria Lai,
che andammo a trovare insieme nella sua casa di Ulassai.
Lo spettacolo rimase solo un progetto e anche noi in questi anni ci siamo viste di rado, benché abbiamo sempre seguito in qualche modo ognuna i percorsi delle altre.
Quando abbiamo avuto la notizia della morte di Maria abbiamo subito pensato a un
omaggio da farle insieme: tornare a Maria Pietra era naturale. Abbiamo pensato a
un video perché ci permetteva di realizzare un'opera comune alla quale ognuna poteva
dare il suo contributo. Dopo un primo incontro abbiamo lavorato separatamente, ciascuna sugli aspetti dell'arte di Maria che più la riguardavano: Manuela sulle parole
e Cristina sulle immagini evocate dai ricordi di Maria Lai e dal racconto;
io sui segni concreti (il filo, il pane) e sui gesti del lavoro, mettendoci, oltre
alla presenza del corpo, anche un po' della lingua e dell'"animo sardo"che
inevitabilmente ci appartengono. Magicamente il lavoro di ognuna combaciava
e coincideva con quello delle altre. Cosimo ha pazientemente cucito insieme tutto
e ha completato il paesaggio visivo e sonoro nel quale Maria Pietra agisce.
Il nostro omaggio e il nostro saluto a Maria è questo lavoro comune, ritrovato e
restituito: un pane lievitato con il tempo. (Gianna Deidda)

Testo originale: Manuela Critelli

Azioni sceniche: Gianna Deidda

Immagini: Cristina Conticelli

Riprese e montaggio: Cosimo Cappagli

Paesaggio sonoro: Cosimo Cappagli

Si ringrazia lo Studio Fotografico Enzo Quaia per la gentile disponibilità.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...