Loading...

Ferrara Il GioielloCulinario Nascosto - Ferrara the Hidden Culinary Jewel - Video 1

295 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Sep 13, 2011

Purchase the book available worldwide here on this link: http://www.blurb.com/bookstore/detail...

This book is available in the following languages for 2011: English/Italian -- English/Hindi -- English/Arabic -- English/Russian -- English/Chinese -- English/Malay.

This book is available in the following languages for 2012: English/Spanish -- English/German -- English/French -- English/Portuguese -- English/Greek -- English/Japanese -- English/Polish.

The Scope of the Book - English:

The purpose of this book is to let the world know that a kitchen for centuries of culinary tradition is part of the city of Ferrara and that has never gone beyond the city walls. Ferrara is located 40 km northeast of Bologna, on the fly Po, a branch of the Po River located 5 km north of the city. Ferrara appears for the first time in a document of the Lombard king Desiderius, in 753 AD but it knows its peak during the late Middle Ages and the Renaissance during the reign of the Dukes of Este, in particular between the end of 1400 and the ' beginning of 1500 under Duke Ercole d'Este, one of the most important patrons of the arts in Ferrara is one of the most fervent cultural centers of Italy, arriving to host the most famous writers, poets, painters and artists.

Ferrara, thanks to cutting-edge urban expansion project architect Biagio Rossetti, became the first modern city in Europe. The city is predominantly Catholic, with a minority belonging to the Jewish and Christian Orthodox. The Jewish community of Ferrara in Emilia Romagna is the only one that has a continuous presence in the middle Ages to the present day. He played an important role when Ferrara knew its heyday in the fifteenth and sixteenth centuries under the reign of Duke Ercole d'Este. Many of the dishes from the Middle Ages Ferrara and some of them show the influences of traditional Jewish cuisine.

The pumpkin hats are the traditional first course in the city of Ferrara is a sort of ravioli stuffed with pumpkin, Parmigiano-Reggiano cheese and flavored with nutmeg. They are served with a ragout or simply with butter and sage in this book will revisit this dish and many other wonderful maintaining the same ingredients, but with a new modern touch in presentation. We invite you to enjoy our first edition of "Ferrara hidden culinary jewel" that will lead directly into your hands these old goodies in this small town in northern Italy.

Lo Scopo del Libro - Italiano:

Lo scopo di questo libro è di far conoscere al mondo una cucina che da secoli fa parte della tradizione culinaria della città di Ferrara e che non è mai andata oltre le mura della città. Ferrara si trova a 40 km a nord-est di Bologna, sul Po di Volano, un ramo del fiume Po situato a 5 km a nord della città. Ferrara appare per la prima volta in un documento del re lombardo Desiderio, nel 753 dC ma conosce il suo massimo sviluppo nel periodo del Basso medioevo e del Rinascimento durante il regno dei Duchi d'Este, in particolare tra la fine del 1400 e l'inizio del 1500 sotto il Duca Ercole I d'Este, uno dei più importanti mecenati delle arti che fa di Ferrara uno dei più fervidi centri culturali d'Italia, arrivando a ospitare i più illustri scrittori, poeti, pittori e artisti dell'epoca. Ferrara, grazie al progetto di ampliamento urbanistico all'avanguardia dell'architetto Biagio Rossetti, diventa la prima città moderna d'Europa.

La città è prevalentemente cattolica, con minoranze appartenenti alla religione ebraica e cristiana ortodossa. La comunità ebraica di Ferrara è l'unica in Emilia Romagna che vanta una presenza continua dal Medioevo ai giorni nostri. Ha avuto un ruolo importante quando Ferrara conobbe il suo massimo splendore nei secoli quindicesimo e sedicesimo sotto il regno del duca Ercole I d'Este. Molti dei piatti tipici ferraresi risalgono al Medioevo e alcuni di essi presentano influenze della cucina tradizionale ebraica.

I cappellacci di zucca sono il primo piatto tradizionale della città di Ferrara; si tratta di una sorta di ravioli con ripieno di zucca, Parmigiano-Reggiano e aromatizzato con noce moscata. Sono serviti con il ragout o semplicemente con burro e salvia; in questo libro rivisiteremo questo piatto meraviglioso e molti altri mantenendo gli stessi ingredienti, ma con un nuovo tocco di modernità nella presentazione.

Vi invitiamo a gustare la nostra prima edizione di "Ferrara il gioiello culinario nascosto" che porterà direttamente nelle vostre mani queste antiche golosità di questa cittadina del nord d'Italia.

Loading...

Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...