Loading...

MIV 2008 - serata anni '60 - '70 - '80

11,716 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Aug 19, 2008

http://www.valtaro.it/ MIV 2008 - serata anni '60 - '70 - '80
MIV 2008, prima edizione: tirando le somme, dopo un sabato veramente stentato, le serate a seguire hanno visto una buona affluenza di pubblico. Pubblico che in tutte e tre le notti, complice il bel tempo, ha potuto assistere a dei concerti e a delle esibizioni di ottimo livello professionale, in una area ben attrezzata, con un palco e degli impianti degni di San Siro, con un'organizzazione generale perfetta. Sul palco, gigantesco e perfettamente attrezzato, si sono esibiti, con grande professionalità e capacità artistica, due gruppi del momento come "La Differenza" e "Le Mani", introdotti da ottime band di supporto. Domenica sera, nella sezione "storica", si sono esibiti, con grande successo, Elisabetta Viviani, Donatello, Los Marcellos Ferial, Gian Pieretti, seguiti a ruota da una molto convincente, e comunque per niente facile, vista la situazione, esibizione degli Okkinudi.

Complessivamente, cosa non ha funzionato? Nulla, l'organizzazione ha retto bene. La gente, davanti al palco, era poca probabilmente perché nello stesso periodo c'era una miriade di manifestazioni (Bedonia, Bardi, Porcigatone,...), attese per tutto un anno, con pochi turisti presenti. Pur con la distribuzione gratuita di centinaia di biglietti omaggio, il grande pubblico non c'é stato. Troppe feste concentrate e sempre meno gente, sempre meno turisti di massa.

La gioventù locale valtarese (sempre poca, a dire il vero) non ha seguito l'evento come avrebbe potuto, non lo ha fatto suo: per distrazione, per protesta, per pigrizia, per mancanza di stimoli in una situazione di vero appiattimento generale. Per il borsellino vuoto. Moltissimi ragazzi di Borgotaro, hanno preferito seguire la manifestazione dal bar... sentendo la musica da lontano, con la "coda dell'orecchio", con una birra in mano; lo hanno fatto da soliti spettatori annoiati, distanti e distaccati, di quello che accade intorno; come accade apaticamente per tutto il resto dell'anno, un po' per tutto. Ma questa, senza voler fare polemiche, é semplicemente la vita di tutti i giorni, in una situazione dove gli stimoli per giovani, tolti pochi esempi (le iniziative dello Zappa-Fermi) e poche strutture (la Baita) abituano la gente a vivere nei bar, a passarci una vita. Si fa tanto per i vecchi, per gli anziani: forse si fa un po' poco per i giovani, per stimolarli a reagire, per abituarli a cogliere le opportunità. Anche quando si tratta di un banale concerto.

Ci sono anche state troppe polemiche, molto sterili: alla fine, sui forum internet, sul guest di Valtaro.it, nei bar, per strada, le discussioni non si sono fatte attendere. Chi contestava il periodo, chi la scelta musicale, chi il prezzo d'ingresso. Chi il colore del pavimento, chi la dimensione del palco e dell'area. Chi ogni cosa, pur di dire la sua. Il male tipicamente italiano, quello della critica un po' qualunquista e gratuita, spesso anche un po' cattiva, che non si rende conto del male che può fare, in conclusione, alla fin fine, emerge sempre.

  • Category

  • License

    • Standard YouTube License

Loading...

Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...