Loading...

Violenza psicologica - ... l'orrore della mano "dolce". Che uccide.

10,226 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Apr 7, 2011

Sono forti, afferma Flavia Amabile su La Stampa, "le differenze tra uomini e donne nel concepire l'amore e le sue genenerazioni".

E allora? Che vogliamo fare? Vogliamo forse annullare le differenze con un brainwash oppure vogliamo EDUCARCI alla NON-VIOLENZA qualunque siano le sue forme?

Non si comprende perché la violenza psicologica subita da certe persone (violenza che uccide) debba essere valutata meno severamente di quella fisica se l'effetto finale è comunque la morte.

Sembra quasi di poter dire che di un omicidio cio' che desta orrore non è la soppressione dell'altro/a bensì gli "schizzi di sangue".

Ma stiamo forse scherzando?

Perché alla fine quale è la differenza tra un omicidio commesso con la forza fisica da quello commesso con la forza psicologica? Ad avviso di chi scrive NESSUNA.

Se un uomo uccide un altro essere umano in modo "asettico", cioé in modo che la morte dell'"altro/a" APPAIA una morte "naturale" (senza pero' esserlo!), quell'uomo è forse meno criminale di un altro uomo che, invece, uccide sparando? NO! Non c'è NESSUNA differenza sostanziale tra le due forme di efferata violenza così come spesso non esiste alcuna differenza tra "violenza fisica" e "violenza psicologica" se l'esito e la determinazione finali sono comunque la soppressione dell'altro/a.

Di omicidio sempre si tratta.

DI SEGUITO L'ARTICOLO COMPARSO SU LA STAMPA IL 4 APRILE SCORSO

Uccide la moglie? Che je voi dì? -- LASTAMPA.it

————--

La frase pronunciata da Magalli in diretta su Rai Uno durante la trasmissione 'Se a casa di Paola...'
FLAVIA AMABILE
http://www.rai.tv/dl/replaytv/replayt...

Cliccando su questo link si aprirà la trasmissione di 'Se a casa di Paola' di lunedì 4 aprile. Si parlava di delitti a proposito dell'assassinio della contessa Alberica Filo della Torre, e di delitti passionali più in generale.

Conviene seguire la registrazione a partire da 1'05 per rendersi conto di quanto siano radicate le differenze tra uomini e donne nel concepire l'amore e le sue degenerazioni. Ma il bello arriva a partire da 1'08'40″ della trasmissione, quando Magalli pronuncia la sua assoluzione dell'uomo rifiutato che decide di ammazzare la donna che lo "provoca" perché esiste l'attenuante della "provocazione". E, dunque, "che je voi dì?"

Il tutto in diretta televisiva, alle tre e venti del pomeriggio, su Rai Uno

——————

[Fonte http://www.bollettinodiguerra.com/war...]

Loading...


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...