Loading...

Lucariello - Democratica Violenza - Video Ufficiale tratto dal nuovo album CMNF8

53,380 views

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Apr 19, 2013

Per organizzare concerti e info scrivi a: live@lucariello.net
compralo su itunes https://itunes.apple.com/it/album/cmn...
tratto dal nuovo album di lucariello CMNF8
fuori il 15 aprile 2013
regia Gianluigi Sorrentino per INCOLORE
prod.Oxroc
Registrato all'Ammontone Studio da Andrea Olwuong
mastering Gianni Blob
label Vezuvio Records
www.lucariello.net

Assassinato nel commissariato quando l'orrore ha il sapore dello stato.
Questa è un'altra storia il rap che si fa memoria dedicato a Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi, Giuseppe Uva e a tutti quei nomi che neanche si conoscono di persone che hanno subito un abuso di potere.
Il testo e il video di Democratica violenza raccontano con la lingua della strada, da una prospettiva soggettiva l'arresto e il massacro di un ragazzo da parte di agenti di polizia. È un racconto inventato che purtroppo affonda le radici nella nostra realtà più oscura. È un atto di denuncia, d'indignazione contro la violenza , quella violenza che diventa ancora più infame quando viene dalla mano che ti dovrebbe proteggere.

traduzione del testo in italiano.

Perso in un bicchiere
Sterzo in mano sui quartieri
la terza che non entra

Contromano sulla salita dei Ventaglieri 

I fari della "Madama" in faccia
Il brigadiere infame già con le mani addosso

La bocca come colla sto in una bolla di collera

Pallini pacchettini il freddo delle manette sulle vene
Il grido della sirena

Le scale di marmo della questura occhi scuri di paura e nessun santo da credere

Schiaffi dai falchi mentre stai ancora tutto fatto

Qualcosa mi sbatte a terra il sangue in bocca lo sai 

Ha il sapore di ferro

Non sento più il dolore né le male parole 

Sto fermo sul pavimento niente più si muove neanche il cuore

Entra qualcuno con un camice si poggia addosso
Mmi mette due dita sotto al collo

Ed è solo vergogna e silenzio in questa notte di democratica violenza.

They call it murder 

Assassinato nel commissariato quando l'orrore ha il sapore dello stato.

Questo corpo morto steso lo sporco sulle divise

Una medaglia per ogni sbaglio per ogni vita che hai deciso

Cerchi di pulire questo rosso questo muso pieno di sangue

Ma 'sta macchia di verità più la stendi e più si spande

Sbrigati brigadiere lavati anche la coscienza

E poi a casa non far vedere ogni volta che ci pensi

Mi viene da piangere ma non ci sono più lacrime

In questi occhi martoriati dalle botte dai cazzotti di questi diavoli

Testimonianze false nelle stanze delle perizie

Questa è un'Italia corrotta e piena di vizi

Tra una pizza e un pizzino

Alzo 'sto bicchiere di vino

Per chi è uscito una sera e non è tornato più al mattino

Dammi un'altra rima e se l'arte

Ha una parte in questa vita corta come una cartina

Ancora una volta voglio essere voce di resistenza

In questa notte di democratica violenza...

  • Category

  • Song

    • Democratica Violenza
  • Artist

  • Album

    • Democratica Violenza
  • Licensed to YouTube by

    • NuoviMediaComunicazione, The Orchard Music (on behalf of Planet Urban), and 1 Music Rights Societies

Loading...

Advertisement

to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...