Loading...

VAJONT2006: infame processo a Teza Vincenzo(2)

2,486 views

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Aug 1, 2009

26 Aprile 2006. L'ennesimo oltraggio a Sopravvissuti e superstiti della più grande e misconosciuta strage di mafia di questo Paese. Un processo farsa e immondo, costruito con prove fotografiche false e intestato a un latitante. Ma firmato e portato avanti da un sindaco mafioso e bugiardo allo scopo di schiacciare una coppia di pensionati che ebbero le famiglie trucidate dall'onda e più tardi si sposarono.
Vincenzo Teza, 21enne, rimase solo e senza il suo paese natìo il 9 ottobre 1963. Perirono 8 suoi familiari, tutta la sua famiglia. Ed egli stesso ne recuperò i resti dal fango lungo il Piave.
Si era opposto civilmente, via lettera, tre volte al sindaco, persino allaCorte di Strasburgo e al Quirinale - naturalmente inascoltato - per far valere le sue legittime ragioni quando nel 2004 il Cimitero di Fortogna venne raso al suolo. Spostò allora 4 cippi, per non ritornare mai più nel sito. E si autodenunciò da solo. Per trovarsi incriminato per "vandalismo" su 7/8 cippi fatti trovare smontati dall'impresa appaltata, che aveva fatto avere problemi d'immagine al sindaco, avendo distrutto colla ruspa le inumazioni.
E al sindaco non parve vero. Aveva già sfrattato i Sopravvissuti nell'ottobre del 2004.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...