Loading...

Fausto Carpani - Canel (canali)

10,944 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Uploaded on Mar 6, 2009

Ai èra una vòlta, dai tèmp di Bantvòi,
Bulgnìs ch'i vivèven coi pi' sàmpr' a mòi;
cumpagna Venezia, regèina dal mèr,
Bulaggna vivèva stramèz ai canèl.
Aqua puzzlànta, c'la va pian pianèn,
satta i parchegg dla nòstra zitè,
aqua ed canèl, ch'i han cuért par vargàggna,
aqua ch'fè vìver la nostra Bulaggna...

Drì da la grèda, infèn int el Lam,
don tòtt in fila ch'lavèven di pagn,
d'estèd, d'invèren, e quand l'era fradd
i stèven dànter in pì int una batt.
Vètta da bìsti del nostri mamà,
zànder, lisciva e cl'omèn a cà,
un dè dri a cl'etèr, aìr come dmàn;
el lavandèri dal Canèl ed Raggn.

Vècia Bulaggna, bagnè dai canèl,
ch'i èrn i mutùr par p'sàir lavurèr.
Par s'ghèr i àlber, par bàter al fèr,
e pr'al Navèlli s'andeva anch'al mèr.
In Bòurg del Càs, l'è propri dri a Raggn,
la sàiga da l'aqua la fèva al lignam:
acàz e ròuvra, e nùs e castagn,
ròba preziàusa par i falegnàm.

Gira la ròda da bur a bur,
int el cantèni ai è i filadùr,
a fèr la sàida par tòtti el madàm,
par quatèr gòbbi, una cànta ed Giuàn...
Int el mulènni i omen èren bianch',
péder e cìnno ch'sgubèven insàmm,
scàrga e po' mésna quintèl ed furmànt,
par el spartùr ed bulaggna c'la fàm...
Al Pànt di Mérel e in quall' int el Lam
'na fròta ed cìnno ch'i fèven al bagn,
l'aqua l'andèva pian pian al Battfèr,
e là is farmèven qui ch's'éren andghè...

Aqua puzzlànta, c'la va pian pianèn,
satta i parchegg' dla nòstra zitè,
aqua ed canèl, ch'i han cuért par vargàggna,
aqua ch'fè vìver la nostra Bulaggna...




TRADUZIONE IN ITALIANO
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
C'erano una volta, dai tempi dei Bentivoglio,
Bolognesi che vivevano con i piedi sempre a mollo,
come Venezia, regina del mare,
Bologna viveva in mezzo ai canali.
Acqua puzzolente, che va pian piano,
sotto i parcheggi della nostra città,
acqua di canale, che hanno coperto per vergogna,
acqua che fece vivere la nostra Bologna...

Dietro la Grada fino alle Lame,
donne tutte in fila che lavavano i panni,
d'estate, d'inverno, e quando era freddo
stavano in piedi dentro una botte.
Vita da bestie per le nostre mamme,
cenere, lisciva, e quegli uomini a casa,
un giorno dopo l'altro, ieri come domani;
le lavandaie del Canale di Reno.

Vecchia Bologna, bagnata dai canali
che erano i motori per poter lavorare.
Per segare gli alberi, per battere il ferro,
e sul Navile si andava anche al mare
In Borgo delle Casse, dietro il Canale di Reno,
la sega ad acqua faceva il legname:
acacia e rovere, e noce e castagno,
roba preziosa per i falegnami...

Gira la ruota da buio a buio*,
nelle cantine ci sono i fialtori,
a fare la seta per le madame,
per quattro soldi, una "canta di Giovanni"**.
Nei mulini gli uomini erano bianchi,
padri e bambini che lavoravano insieme:
scarica e macina quintali di grano
per le madie di Bologna affamata.
Al Ponte dei Merli e in quello delle Lame
frotte di ragazzi facevano il bagno,
l'acqua andava pain piano al Battiferro
e là si fermavano quelli che erano annegati...

Acqua puzzolente, che va pian piano,
sotto i parcheggi della nostra città,
acqua di canale, che hanno coperto per vergogna,
acqua che fece vivere la nostra Bologna...


* dall'alba a sera inoltrata, incessantemente
** modo dialettale per definire un compenso irrisorio

  • Category

  • License

    • Standard YouTube License

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...