Upload

Loading...

Dessì, Cura, Nucci "Tace la notte..." (IL TROVATORE)

14,910

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Uploaded on Oct 31, 2008

LEONORA:Daniela Dessì
MANRICO: Josè Cura
IL CONTE DI LUNA: Leo Nucci

conductor: Zubin Mehta

Parma, Verdi Gala; 2001

"CONTE
Tace la notte! immersa
Nel sonno, è certo, la regal Signora;
Ma veglia la sua dama...
Oh! Leonora,
Tu desta sei; mel dice,
Da quel verone, tremolante un raggio
Della notturna lampa...
Ah! l'amorosa fiamma
M'arde ogni fibra!...
Ch'io ti vegga è d'uopo,
Che tu m'intenda...
Vengo... A noi supremo
È tal momento...


(Cieco d'amore avviasi verso la gradinata.
Odonsi gli accordi d'un liuto: egli s'arresta)
Il Trovator! Io fremo!

La VOCE del TROVATORE
(fra le piante)
Deserto sulla terra,
Col rio destino in guerra
E sola spese un cor
Al Trovator!
Ma s'ei quel cor possiede,
Bello di casta fede,
E d'ogni re maggior
Il Trovator!

CONTE
Oh detti!... Oh gelosia!...
Non m'inganno...
Ella scende!
(S'avvolge nel suo mantello)

LEONORA
(correndo verso il Conte)
Anima mia!

CONTE
(Che far?)

LEONORA
Più dell'usato
È tarda l'ora; io ne contai gl'istanti
Co' palpiti del core!...
Alfin ti guida
Pietoso amor tra queste braccia...

La VOCE del TROVATORE
Infida!...
(La luna mostrasi dai nugoli, e lascia scorgere una persona,
di cui la visiera nasconde il volto)

LEONORA
Qual voce!... Ah, dalle tenebre
Tratta in errore io fui!
(riconoscendo entrambi,
e gettandosi ai piedi di Manrico, agitatissima)
A te credei rivolgere
L'accento e non a lui...
A te, che l'alma mia
Sol chiede, sol desìa...
Io t'amo, il giuro, io t'amo
D'immenso, eterno amor!

CONTE
Ed osi?

MANRICO
(sollevando Leonora)
(Ah, più non bramo!)

CONTE
Avvampo di furor!
Se un vil non sei discovriti.

LEONORA
(Ohimè!)

CONTE
Palesa il nome...

LEONORA
(sommessamente a Manrico)
Deh, per pietà!...

MANRICO
(sollevando la visiera dell'elmo)
Ravvisami, Manrico io son.

CONTE
Tu!... Come!
Insano temerario!
D'Urgel seguace, a morte
Proscritto, ardisci volgerti
A queste regie porte?

MANRICO
Che tardi?... or via, Ie guardie
Appella, ed il rivale
Al ferro del carnefice
Consegna.

CONTE
Il tuo fatale istante
Assai più prossimo
È, dissennato! Vieni...

LEONORA
Conte!

CONTE
Al mio sdegno vittima
È d'uopo ch'io ti sveni...

LEONORA
Oh ciel! t'arresta...

CONTE
Seguimi...

MANRICO
Andiam...

LEONORA
(Che mai farò?
Un sol mio grido perdere
Lo puote...) M'odi...

CONTE
No! Di geloso amor sprezzato
Arde in me tremendo il foco!
Il tuo sangue, o sciagurato,
Ad estinguerlo fia poco!
(a Leonora)
Dirgli, o folle, - Io t'amo - ardisti!...
Ei più vivere non può...
Un accento proferisti
Che a morir lo condannò!

LEONORA
Un istante almen dia loco
Il tuo sdegno alla ragione...
Io, sol io, di tanto foco
Son, pur troppo, la cagione!
Piombi, ah! piombi il tuo furore
Sulla rea che t'oltraggiò...
Vibra il ferro in questo core,
Che te amar non vuol, né può.

MANRICO
Del superbo vana è l'ira;
Ei cadrà da me trafitto.
Il mortal che amor t'ispira,
Dall'amor fu reso invitto.
(al Conte)
La tua sorte è già compita...
L'ora ormai per te suonò!
Il suo core e la tua vita
Il destino a me serbò!
(I due rivali si allontanano con le spade sguainate;
Leonora cade, priva di sentimenti)"

All Comments

Comments are disabled for this video.
Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up Next


Sign in to add this to Watch Later

Add to