Upload

Loading...

Birkat Hamazon

9,287 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on May 29, 2012

Birkat Hamazon o Birkath Hammazon, (ebraico: ברכת המזון - Benedizione del nutrimento), nota in Italia come Preghiera dopo i pasti, (yiddish: בענטשן, bentshn o "benedire"), sono un gruppo di benedizioni ebraiche prescritte dalla Halakhah (Legge ebraica) da recitarsi dopo i pasti che includono pane o matzah fatti di uno o più composti di farina, orzo, segala, avena, farro. È ancora in discussione, da parte dei rabbini, se la birkat hamazon debba essere recitata dopo aver consumato altri bibi con contenuti farinosi, tipo la pizza.[1]

La Birkat hamazon viene letta o cantata dopo i normali pasti ed in speciali occasioni come lo Shabbat e le Festività ebraiche. La benedizione viene riportata in quasi tutti i libri di preghiera (Siddur) e soventemente stampata in vari stile artistici su libretti chiamati birchon in ebraico o bentcher in yiddish.
La fonte biblica che specifica il requisito di dire birkat hamazon è il Deuteronomio 8:10 "Mangerai dunque a sazietà e benedirai il SIGNORE Dio tuo a causa del paese fertile che ti avrà dato."

Birkat hamazon è composta da quattro benedizioni. Le prime tre benedizioni si considerano richieste dalla Legge biblica. Il cibo: benedizione di ringraziamento del cibo, tradizionalmente composta da Mosè in gratitudine per la manna che il popolo ebraico mangió nel deserto durante l'Esodo dall'Egitto. La terra: benedizione di ringraziamento per la Terra di Israele, infatti attribuita a Giosuè dopo aver guidato il suo popolo dentro Israele. Gerusalemme: riguarda Gerusalemme ed è attribuita a David, che la stabilì quale capitale di Israele, e a Re Salomone che costruì il Tempio di Gerusalemme. La bontà di Dio: benedizione di ringraziamento per la bontà divina, scritta da Rabban Gamliel a Yavne. La necessità di recitare questa benedizione è consideratao un obbligo rabbinico.

Dopo queste quattro benedizioni ci sono altre brevi preghiere: ognuna inizia con la parola Harachaman ("Misericordioso" o "Clementissimo") come supplica per la compassione di Dio.

Esistono parecchi testi della birkat hamazon. Il più noto è quello ashkenazita. Ci sono anche quelli sefarditi, yemeniti e italiani. Tutti i testi seguono la succitata struttura ma le parole variano. In particulare la versione italiana mantiene l'antica tradizione di iniziare il paragrafo inserito per lo Shabbat con Nachamenu. (ringrazio il sito torah.it per il file audio).

  • Category

  • License

    • Standard YouTube License

Loading...

to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...