Loading...

Il tragitto di Petr Lom dall'accademia al documentarismo

464 views

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Uploaded on Mar 5, 2010

Alla domanda inevitabile Come hai fatto? riferita al permesso di seguire da vicino il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad, il documentarista di origine Ceca, Petr Lom, sorride. Poi risponde e racconta l'avventura del suo ultimo documentario, Letters to the President. Cinque mesi nei villaggi iraniani dove il sultano incontra il suo popolo, quello che lo sostiene ed osanna sperando in una sua soluzione taumaturgica.

Da questo popolo partono le lettere inviate al Presidente da madri disperate per le cure dei figli, da uomini in cerca di lavoro, da bisognosi di qulunque genere: corrente elettrica, acqua, una capra o una prospettiva di futuro. L'idea del documentario è nata da un articolo del Guardian, che raccontava della prossima apertura di un call center, al quale gli iraniani potranno rivolgersi per mettersi in contatto con il presidente. Nasce così un documentario sul potere del populismo in un paese multiforme, dove convivono contadini che sognano latomica, con i giovani universitari di Teheran che rischiano in proprio per esprimere l'opposizione al governo del paese. Da parte del regista nessuna faziosità, nessuna morale ostentata, tanto la verità si racconta da sola dirà al pubblico dello Stensen a Firenze nel dibattito, seguitissimo, dopo la proiezione del film in occasione del festival Middle East Now.

Petr Lom proviene dal mondo accademico; professore di Filosofia Politica ad Harvard ed in diverse università europee, ha avuto il suo bel da fare con gli apparati burocratici occidentali, ma quando parla di quelli iraniani, il sorriso diventa una smorfia e si mette una mano sulla fronte. In cinque mesi, tre settimane di lavoro con il resto del tempo evaporato nel dedalo inestricabile della burocrazia iraniana. Un incubo reso ancora più vivido dalla costante possibilità di essere imbarcato sul primo volo.

La carriera di documentarista di Lom comincia nel 2004 con Bride Kidnapping (Il rapimento della sposa in Kirghizistan), continua con un progetto incumpiuto di documentario sul Turkmenistan (sarà espulso dal paese dopo una settimana). Nel 2007 gira On A Trightrope (Sulla Corda), filmando le storie dei bambini funamboli Uiguri, nella provincia cinese dello Xinjiang. Nello stesso anno in You Cannot Hide From Allah, racconta di un tassista americano di origini pakistane che dopo aver vinto alla lotteria negli USA torna in Pakistan per diventare sindaco del suo villaggio.

Letters to the President, offre ai suoi spettatori lopportunità di aprire una breccia nellimmaginario mediatico che schiaccia lIran fra i poli della protesta strenua e delle folle adoranti. Il film ci racconta oltre gli stereotipi, quanto poco lontani siano gli iraniani. Diventa inquietante riscontrare analogie fra le dinamiche di asservimento al potere documentate nel film ed immagini più domestiche. Ne esce un ritratto di Ahmadinejad scaltro progettista delle sue immagini mediatiche (il padre della nazione ed il baluardo antioccidentale).

Il prossimo progetto di Lorm verterà sui prigionieri di Guntanamo estradati in altri paesi.
Petr scrive, riprende, monta e produce i suoi film. Questo è il metodo che consiglia a chi si approccia al documentario; procurarsi una videocamera e dotarsi di tenacia: cercare ma anche saper aspettare un istante che incarni con semplicità dinamiche complesse, e naturalmente avere coraggio, assumersi la responsabilità di raccontare.

Loading...

When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up next


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...