Loading...

Lo spread morale di Marco Travaglio 18 febbraio 2012

654 views

Loading...

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Published on Feb 17, 2012

Lo spread morale
di Marco Travaglio
Il caso Tedesco, in Italia, è il Parlamento che salva due volte l'ennesimo parlamentare dall'arresto per corruzione, concussione, falso, truffa, turbativa d'asta, associazione per delinquere. Il caso tedesco, in Germania, è il presidente della
Repubblica che si dimette per un prestito agevolato. Lo spread che divide Italia e Germania è tutto qui: il diverso rendimento dei titoli di Stato è solo una conseguenza. E chi, in questi mesi, si è molto divertito a sbeffeggiare Angela Merkel perché "fa gli interessi della Germania", dovrebbe vergognarsi e andarsi a
nascondere. Che dovrebbe fare un capo di governo, se non gli interessi del suo paese? E che dovrebbe fare un capo di Stato coinvolto in uno scandalo se non dimettersi
e consegnarsi alla Giustizia? Lo stupore di noi italiani alla notizia delle dimissioni di Wulff è la nostra irredimibile dannazione. Siamo così abituati alle cazzate dei politici sull'immunità parlamentare, sulla presunzione di innocenza, sull'accanimento giudiziario, sullo scontro fra politica e magistratura, sulle toghe politicizzate, sul "così fan tutti" e sull'"a mia insaputa", da non capacitarci dinanzi al gesto normale di uno statista chiacchierato che se ne va a casa. Con il
candore disarmante del bambino che urla "il re è nudo ! ", la Merkel ha commentato: "Il presidente non poteva più servire il popolo". Qualcuno in Italia penserà che si sia convertita al maoismo: invece è e resta una robusta democristiana. Ma lo spread fra Italia e Germania è tutto qui: in quel "servire il popolo". Non si può servire il popolo quando si è sospettati di
comportamenti scorretti, né quando ci si deve dividere fra i palazzi delle istituzioni e quelli di giustizia. Checché ci abbiano raccontato i trombettieri di regime a ogni lodo
Maccanico-Schifani, a ogni lodo Alfano, a ogni legittimo impedimento sulla necessità di importare la celebre "immunità per le alte cariche" che sarebbe già "prevista in tutto il mondo", scopriamo che quella immunità, come la pensano i nostri ladri della patria, non esiste da nessuna parte. In pochi paesi, come la Francia, è prevista solo per il capo dello Stato e solo finché resta in carica. E in Germania nemmeno per lui: spetta al Parlamento, come per qualunque parlamentare, concedere o negare l'autorizzazione a procedere: ma solo sulla carta, perché nella realtà il Parlamento tedesco l'autorizzazione ai giudici la
concede sempre.
Wulff sapeva che avrebbe presto perduto lo scudo protettivo. E, dinanzi alla prospettiva di fare il presidente e l'imputato, s'è dimesso da presidente. In Italia, dovendo scegliere, si dimettono da imputati. E, si badi bene, Wulff non ammette affatto di essere colpevole, anzi: si proclama innocente. Ma
vuole difendersi come un comune cittadino, senza i privilegi connessi alla carica. Esattamente come fece il suo omologo israeliano Katsav, accusato di molestie sessuali: pur potendo avvalersi dell'immunità presidenziale, non la invocò neppure (gli veniva da ridere all'idea che molestare segretarie fosse un reato connesso alla carica). Così le democrazie vere si
difendono dalla corruzione: dando l'esempio dall'alto. Da ieri B. ha un motivo in più per detestare la "culona" (mentre Wulff si dimetteva,
il Pdl nominava il plurimputato Verdini commissario a Modena per ripulire il partito inquinato da infiltrazioni malavitose: come nei film western, quando il bandito diventa sceriffo). Ma il caso tedesco (con la t minuscola) mette in mora tutta la classe dirigente italiota: i nostri partiti, ma anche i tecnici alla Severino, che continuano a baloccarsi con la famosa e fumosa "legge anticorruzione" di rinvio in rinvio, per far scadere anche questa legislatura senz'aver fatto nulla contro il cancro che ci trascina verso il baratro. C'è da sperare che la Merkel perda le prossime elezioni e dunque, come si usa nelle democrazie serie, vada in pensione: quando anche Monti alzerà bandiera bianca, sconfitto dal partito trasversale del malaffare, potremo sempre prenderla in prestito per un po', di seconda mano.

Loading...


to add this to Watch Later

Add to

Loading playlists...