AU
Upload

Loading...

You're viewing YouTube in English (US).
Switch to another language: | View all
You're viewing YouTube in English.
Switch to another language: | View all

[1/2] Le quattro dimensioni di Margherita Hack - Parlandone ad HomePage

92,038

Loading...

Loading...

Transcript

The interactive transcript could not be loaded.

Loading...

Loading...

Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.
Uploaded on Apr 12, 2011

Playlist: http://www.youtube.com/view_play_list...
"Le quattro dimensioni di Margherita Hack" Intervista aperta guardando le stelle e le realtà del nostro paese
- Magherita Hack Nata a Firenze il 12 giugno 1922, Margherita Hack è una delle menti più brillanti della comunità scientifica italiana. Il suo nome è legato a doppio filo alla scienza astrofisica mondiale. Prima donna a dirigere un osservatorio astronomico in Italia, ha svolto un'importante attività di divulgazione e ha dato un considerevole contributo alla ricerca per lo studio e la classificazione spettrale di molte categorie di stelle.
Margherita Hack è molto nota anche per le sue attività non strettamente scientifiche e in campo sociale e politico., nel giugno 1971 è stata tra i firmatari dell'appello che denunciava il commissario Calabresi come «responsabile della morte di Pinelli», dal 1989 è garante scientifico del CICAP e, dal 2002, è presidente onorario dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti; dal 2005 è iscritta all'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica. In passato è stata iscritta al Partito Radicale Transnazionale si è candidata alle nel 200 5 e 2006 alle elezioni nelle lista del Partito dei Comunisti Italiani è stata eletta ma ha rinunciato al seggio ottenuto per continuare a dedicarsi all'astronomia., è socia onoraria dell'associazione Libera Uscita per la depenalizzazione dell'eutanasia, ha presentato, su richiesta di un suo giovane amico, Stefano Pais, un testo per il Festival di Sanremo 2007, che è stato però escluso, inoltre è stata oggetto di parodia da parte del programma televisivo "Mai dire Domenica" trasmesso su Italia 1.

Moderatore: Michele Gardini
Riprese: Walter Causero
Montaggio: Ivan Bortolin

Loading...

Advertisement
When autoplay is enabled, a suggested video will automatically play next.

Up Next


to add this to Watch Later

Add to