CO
Upload
You're viewing YouTube in English (US).
Switch to another language: | View all
You're viewing YouTube in English.
Switch to another language: | View all

Bob Marley - I Shot The Sheriff

by BoBMArleySong1 • 15,360,523 views

Bob Marley- I shot the sheriff

Can't post I Shot The Sheriff without paying homage to the Legend that wrote it! 🎶🎤 Yeah! All around in my home town, They're tryin' to track me down; They say they want to bring me in guilty For the killing of a deputy, For the life of a deputy. But I say I shot the sheriff👮 But I swear it was in self defense Oh, no! (Ooh, ooh, oo-oh) Yeah! I shot the sheriff And they say it is a capital offense Sheriff John Brown always hated me 👮 For what, I don't know: Every time I plant a seed, He said kill it before it grow 🌱 He said kill them before they grow.🎶🎵
Report spam or abuse
Report spam or abuse
+Sam Martin me too Sam :))) thank you so much :D  
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Lol I can imagine a sudden plot twist. "I am back...."
Report spam or abuse
I'm gonna be lame and say that supernatural brought me here. I completely forgot about this song and then they referenced it in supernatural and i had to listen to it again XD
Report spam or abuse
reaction 1 = "I'm going to be lame etc" reaction 2 = "lame" do you see how a sense of humour would come in handy here?
Report spam or abuse
"I want to say 'I shot the police' but the government would have made a fuss so I said 'I shot the sheriff' instead… but it's the same idea: justice." - Bob Marley
Report spam or abuse
+Jair Berg Music has meaning and power sure, but that's strong music, powerful, able to move mountains, something patriotic, etc. This is just a lot higher pitched than Eric if anything his carries the message better.
Report spam or abuse
Eric Clapton sang this song before Bob Marley....
Report spam or abuse
+ThornCOD  Same thing with Dolly Parton and Whitney Houston...
Report spam or abuse
My name is Sherif and I fInd this offensive :P btw BobMarley still is a Legend <3 :D PEACE for all <333 :D
Report spam or abuse
I'm Deputy and I confirm he didn't shoot me
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Bob's music is great, but what is even greater is his positive messages for Humanity. A better world full of Peace and Love is definitely possible. The first step to creating it is showing people The Truth, which inspires change. That is the reason why "The Truth Contest" website was created. To find, define, and spread The Truth. It will benefit Humanity in every way. So check it out and pass it on :)
Report spam or abuse
Ok, what Marley is saying here is that he and the sheriff had a deal, Marley used to grow his stuff and the sheriff used to have his cut on what Marley use to deal on, but the deputy who is close friend of the sheriff somehow found out that the sheriff was a crook cop and he also wanted his share or else he would talk. So the sheriff blackmailed Marley on not growing that weed and stay low until he the deputy take care of business. Sheriff invite the deputy for a talk and he kills the deputy, at that particularly moment Marley saw the killing, once the sheriff realize that now Marley is now an eye witness, he try to shot Marley, Marley was quicker than him and shot him.
Report spam or abuse
I've heard it was actually a song about birth control... his girlfriend's doctor kept trying to push birth control on Marley "every time I plant a seed, he say kill it before it grow"
Report spam or abuse
Lol this song on mushrooms is trippy af Xp
Report spam or abuse
What I take from this song is that sheriffs are the ones who make the calls. Deputies are the ones who follow the order. Marley wants to shoot the one who threatens him, not the one who is just doing as he/she's told. 
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Mad Fabe Shared on Google+ · 3 months ago
I Shot The Sheriff Bob Marley
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Effectivement, Chérif vient de se faire shooter.
Report spam or abuse
J'ai eu la même idée, copain ! 
Report spam or abuse
I think he shot them both, then sparked up a fatty.
Report spam or abuse
Diego Andrade Shared on Google+ · 1 month ago
Bob Marley - I Shot The Sheriff: http://youtu.be/2XiYUYcpsT4
Report spam or abuse
Ramon Teles Shared on Google+ · 1 week ago
 I Shot The Sheriff!
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Samuel virgo Shared on Google+ · 2 months ago
Report spam or abuse
heard this from a supernatural crack video lol
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Doing reggae project at school needed song review. Has Helped alot.
Report spam or abuse
Tim Howatd Shared on Google+ · 1 month ago
Bob Marley - I Shot The Sheriff: http://youtu.be/2XiYUYcpsT4
Report spam or abuse
@ Justin LeRoumain what's the matter bro, afraid of replies? Honest people in Democracy? well, that's certainly not you if you are afraid to admit the truth
Report spam or abuse
More Tisha Shared on Google+ · 3 months ago
Bob Marley - I Shot The Sheriff: http://youtu.be/2XiYUYcpsT4
Report spam or abuse
Report spam or abuse
695 idiots have sense of "Soul" nether less possess one.
Report spam or abuse
Rhonda Lambert Shared on Google+ · 2 weeks ago
Can't post I Shot The Sheriff without paying homage to the Legend that wrote it! 🎶🎤 Yeah! All around in my home town, They're tryin' to track me down; They say they want to bring me in guilty For the killing of a deputy, For the life of a deputy. But I say I shot the sheriff👮 But I swear it was in self defense Oh, no! (Ooh, ooh, oo-oh) Yeah! I shot the sheriff And they say it is a capital offense Sheriff John Brown always hated me 👮 For what, I don't know: Every time I plant a seed, He said kill it before it grow 🌱 He said kill them before they grow.🎶🎵
Report spam or abuse
Report spam or abuse
WILLSON MUKORO Shared on Google+ · 1 month ago
Report spam or abuse
(I shot the sheriff But I didn't shoot no deputy, oh no! Oh! I shot the sheriff But I didn't shoot no deputy, ooh, ooh, oo-ooh.) Yeah! All around in my home town, They're tryin' to track me down; They say they want to bring me in guilty For the killing of a deputy, For the life of a deputy. But I say Oh, now, now. Oh! (I shot the sheriff) the sheriff. (But I swear it was in self defense.) Oh, no! (Oh, oh, oh) Yeah! I say: I shot the sheriff oh, Lord!  (And they say it is a capital offense.) Yeah! (oh, oh, oh) Yeah! Sheriff John Brown always hated me, For what, I don't know, Every time I plant a seed, He said kill it before it grow, He said kill them before they grow. And so Read it in the news: (I shot the sheriff.) Oh, Lord! (But I swear it was in self-defense.) Where was the deputy? (oh) I say, I shot the sheriff, But I swear it was in self defense. (oh) Yeah! Freedom came my way one day And I started out of town, yeah! All of a sudden I saw sheriff John Brown Aiming to shoot me down, So I shot, I shot, I shot him down and I say: If I am guilty I will pay. (I shot the sheriff,) But I say (But I didn't shoot no deputy), I didn't shoot no deputy (oh, no-oh), oh no! (I shot the sheriff.) I did! But I didn't shoot no deputy. Oh! (oh) Reflexes had got the better of me And what is to be must be, Every day the bucket a-go a well, One day the bottom a-go drop out, One day the bottom a-go drop out. I say I, I, I, I, shot the sheriff. Lord, I didn't shot the deputy. No! I, I (shot the sheriff) But I didn't shoot no deputy, yeah! So, yeah! (Marley 1973)
Report spam or abuse
They should have put this song in Django Unchained. I shot the sheriff. But I didn't shoot the marshall. I shot the sheriff. But I swear it was for a bounty.
Report spam or abuse
WEED PARA TODOS!!! Jajaja! ok... no... la weed es mala... no tomeis drogas 
Report spam or abuse
Report spam or abuse
As in:  "You're going to make the front page one day, Son."  Richard
Report spam or abuse
Hola me alegrates el dias
Report spam or abuse
Bob Marley realizes sheriff is illuminate, tells deputy, deputy tries to kill sherif in the street. But the sherif shoots him, bobs ready to blow him away and shoots em with his m16a2. Now the illuminate is chasing him. The seed represents the seed of realization, his town represents the U.S. He's sending us a message guys.
Report spam or abuse
hola amigos i loveono tjisyo songo
Report spam or abuse
He must have been on some good shit to be coming up with this
Report spam or abuse
Police sirens Oh sh*t! We're f*cked! Guy two: It'll be okay, just put on your Cool Face
Report spam or abuse
Least he didn't shoot the deputy :D !
Report spam or abuse
Man, i listened to these songs for a long time, then i lost my cd, so i though, ill just go on youtube for it! Then i see the comments. Cancer, every single one of you.
Report spam or abuse
┏━┓┏━┳━━━┳━━━┳━━┓╋┏┳┓╋┏┳━━━┳━┓­╋┏┳━━━┓ ┃┃┗┛┃┃┏━┓┃┏━┓┣┫┣┛╋┃┃┃╋┃┃┏━┓┃┃┗­┓┃┃┏━┓┃ ┃┏┓┏┓┃┃╋┃┃┗━┛┃┃┃╋╋┃┃┃╋┃┃┃╋┃┃┏┓­┗┛┃┃╋┃┃ ┃┃┃┃┃┃┗━┛┃┏┓┏┛┃┃┏┓┃┃┃╋┃┃┗━┛┃┃┗­┓┃┃┗━┛┃ ┃┃┃┃┃┃┏━┓┃┃┃┗┳┫┣┫┗┛┃┗━┛┃┏━┓┃┃╋­┃┃┃┏━┓┃ ┗┛┗┛┗┻┛╋┗┻┛┗━┻━━┻━━┻━━━┻┛╋┗┻┛╋­┗━┻┛╋┗┛
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
+Thykuss the br speack diferent, that is spanish, que boludo este negro
Report spam or abuse
Beautifull my Dear
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Bonjour, Marie, Nadine , Jamelb, Françoise mon pote Didier et Tous les autres Bon dimanche gros bisous
Report spam or abuse
i shot the Gerdaaaaaa :D 
Report spam or abuse
To those 610 dislikers go fuck your self
Report spam or abuse
666 likes are approaching :0
Report spam or abuse
I went back in time and shot a real sherrif. How? The Tardis :3
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Youtube videos 😍😍😍😍😍😍😍😍
Report spam or abuse
I thought this was Eric Clapton's song. Didn't realize that Bob Marley did it first
Report spam or abuse
i shot the chita lol ghir dz ya3rafha.
Report spam or abuse
Yoggie Munoz Shared on Google+ · 1 week ago
Report spam or abuse
Everytime I plant a seed he said kill it before it grow nah nah nah
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
No disrespect to Marley, he is a legend, and a legacy that left us way too early, but I prefer Eric Clapton's later version of this song over Marley's original. It's just my personal opinion Clapton's version had a better tune to it. Still Marley deserves credit for writing one of the greatest and most memorable songs ever. But when it came to the vocal aspect of it, Clapton just rocked it and gave it the energy and edge the song needed in order to be memorable.
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Why is there only a video for this song in all youtube?!
Report spam or abuse
┏━┓┏━┳━━━┳━━━┳━━┓╋┏┳┓╋┏┳━━━┳━┓­╋┏┳━━━┓ ┃┃┗┛┃┃┏━┓┃┏━┓┣┫┣┛╋┃┃┃╋┃┃┏━┓┃┃┗­┓┃┃┏━┓┃ ┃┏┓┏┓┃┃╋┃┃┗━┛┃┃┃╋╋┃┃┃╋┃┃┃╋┃┃┏┓­┗┛┃┃╋┃┃ ┃┃┃┃┃┃┗━┛┃┏┓┏┛┃┃┏┓┃┃┃╋┃┃┗━┛┃┃┗­┓┃┃┗━┛┃ ┃┃┃┃┃┃┏━┓┃┃┃┗┳┫┣┫┗┛┃┗━┛┃┏━┓┃┃╋­┃┃┃┏━┓┃ ┗┛┗┛┗┻┛╋┗┻┛┗━┻━━┻━━┻━━━┻┛╋┗┻┛╋­┗━┻┛╋┗┛
Report spam or abuse
I'm a stoner and in this particular video that comment just made me mad
Report spam or abuse
Theres no sheriff in Jamaica😂
Report spam or abuse
For the moment there isn't any now, but soon again there will be.  Remember that the Sheriff was SHOT to death and the shooter confessed and was sentenced to a 25 year to life.
Report spam or abuse
whos ever saying i shot the sheriff in this is definitely special needs. 
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
I love this song and I am 11
Report spam or abuse
Oh, didnt knew that he was an author of that kinda strange song....
Report spam or abuse
Report spam or abuse
A legend that was lost way too soon so to hell with what anybody thinks about his music all his music had meaning to it.
Report spam or abuse
Michel Bronnimann... Shut up..
Report spam or abuse
Report spam or abuse
I wish this song could be mixed with Clapton's version. I like Marley's verse singing more, but I prefer Clapton's chorus. Also the bass in this song is better, but obviously the guitar in Clapton's version is better. Either way great song. 
Report spam or abuse
Sometimes one man can't be responsible for everything, I love this song and message and always will. 
Report spam or abuse
"I shot the sheriff, but I didn't shot the depute, yet"
Report spam or abuse
Report spam or abuse
I don't get the logic.  "I shot the sheriff, but I didn't shoot the deputy?"  Still a classic song.  Richard
Report spam or abuse
Report spam or abuse
mi cuneta de skipe es scotchsg para la cuneta premium plz
Report spam or abuse
706 Polices were here
Report spam or abuse
Whenever I think of this song I imedietley think about will smith because of I am legend
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
You've got a problem with the legitimate authorities? I've got a problem with the illegitimate gangsters. 
Report spam or abuse
I've got a problem with the bandits and outlaws of all kinds, in a democracy. 
Report spam or abuse
I'm for the honest people, in a democracy. 
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Bro this dude was the truth!!! They had to kill em
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Heard this tune in ghost recon
Report spam or abuse
Report spam or abuse
SENZA RESA SENZA RESA ANNO 2010/11 1° parte Azienda Collettiva e Proprietà Privata Sindacalismo e Proprietà Collettiva Aggiunto 29/03/2011 Rivoluzione Sociale Aggiunto 30/03/2011 Europa e Esercito Europeo Aggiunto 5/5/2011 a Milizia Proletaria e Guardiani della Rivoluzione  ANNO 2015 2° parte  Aggiunto 30/01/2015 Socialismo delle individualita' e organizzazione: Dal Partito ai Nodi Sociali  Aggiunto 30/01/2015 L'Uno Aggiunto  3/02/2015 Il Potere e le Masse e Centralità del Processo Evolutivo Aggiunto 3/02/2015 Soggetti Rivoluzionari nella Rivoluzione Sociale Senza Resa è un documento che nasce per uscire dalle secche politiche e storiche del ’900 in cui la via russa al socialismo è fallita. Ovunque in Europa il socialismo reale di stampo russo/Urss è stato la dittatura di despoti e del partito. Per questo ogni proletario non può che uscire da quel modello e organizzarsi in altre forme. Forme che chiameremo democrazia socialista orizzontale organizzata in nodi collettivi e individuali. Inoltre oggi solo il capitalismo è il modello economico che è praticato e imposto nei territori del pianeta. Come proletario sia per condizione che coscienza di classe e individuale credo che il plus valore sul prodotto e la ricchezza, in quantità di tempo sottratto all’individuo dal lavoro e dalla necessità di procurarsi i beni essenziali (casa, vivande, energia, Gas, studi), sia il nodo dello sfruttamento del capitalismo e del suo ordine. Poiché la paga non è la felicità, dobbiamo uscire dalla condizione di proletari sconfitti e privi di potere, incatenati all’accesso dei beni di prima necessità in cambio del furto del nostro tempo. Quindi non necessitiamo di aumenti di paga ma del potere sul prodotto cioè la creazione della proprietà collettiva privata delle aziende per liberarci dalle catene gerarchiche del capitalismo e assumere direttamente le redini dell’azienda praticando all’interno dell’azienda la democrazia orizzontale e diretta sui processi produttivi. Ciò comporterebbe sia una diversa forma di organizzazione del tempo dell’individuo sia dell’accesso hai beni essenziali. Casa, istruzione, reddito e sanità sono diritti dell’individuo inalienabile. L’accesso a casa e reddito devono essere garantiti a tutti come il diritto e l’accesso gratuito all’istruzione. Casa, sanità e istruzione devono essere pubbliche e a tutti garantiti come il diritto al reddito. Il fine è giungere ad una società senza classi dove le aziende sono proprietà collettiva privata dei lavoratori in cui essi sono tutti soci. Proprietà dello stato e sue competenze saranno l’energia, l’acqua, l’istruzione e le politiche abitative con proprietà parziale del patrimonio abitativo dei territori e l’istruzione in tutti i suo gradi (dall’asilo all’università). Infatti, il pubblico resta strategico in alcuni settori di utilità collettiva ma senza diventare il proprietario di tutti i settori come fabbriche, negozi etc e non ricalcando lo statalismo dell’URSS e dei paesi chiamati socialisti come abbiamo visto nell' 900. La proprietà privata è solo concepita e assunta a livello collettivo. Quindi è la sparizione del capitalismo individualista ma la nascita della società degli individui che collaborano tra di loro per il bene comune, definibile come il socialismo delle individualità. Anche le forme politiche sono plurali intese nella democrazia orizzontale e diretta e con il potere di revoca in qualunque momento del mandato amministrativo della massima durata di un mandato nelle istituzioni locali e nazionali. Il fine è: sia la sparizione della casta dei politici a vita, che da sempre godono di privilegi e redditi generosi. Sia la creazione di una democrazia che attraversi tutti i processi della società, in modo orizzontale e non piramidale. Poiché per la costruzione di una casa sono indispensabili i muratori, il geometra e l’architetto, essi sono realmente interdipendenti poiché senza una di queste figure l’abitazione non si costruisce, lo stesso si può dire della società senza classi poiché ognuno di noi è indispensabile all’altro nel processo produttivo e sociale. AZIENDA COLLETTIVA E PROPRIETA’ PRIVATA Le aziende da sempre sono organizzate in ordine gerarchico e piramidale. All’apice il padrone o il socio di maggioranza. L’azienda che propongo invece è orizzontale e con democrazia diretta e partecipativa interna e con distribuzione egualitaria del guadagno effettuato dall’azienda. La proprietà dell’azienda è collettiva nel senso che operai, colletti bianchi, progettisti, tecnici e via dicendo sono tutti proprietari dell’azienda in modo netto ed egualitario. Le decisioni interne all’azienda sono decise in modo assembleare all’interno dell’azienda in modo lineare, orizzontale e senza che un compartimento abbia più potere degli altri. La fabbrica agli operai diventa una realtà nel senso che essi ne diventano proprietari. L’azienda resta privata e non di stato ma di proprietà di chi ci lavora. Le decisioni riguardo investimenti, prodotto, divisione degli utili, avvengono tramite la democrazia partecipativa e diretta nel senso che tutte le decisioni che riguardano l’azienda sono prese in assemblee dei lavoratori (operai, manager, colletti bianchi etc.) in cui sono illustrate le proposte, i progetti, la divisione degli utili e in cui tramite votazione sono prese tutte le decisioni. Bisogna pensare la democrazia interna all’azienda come ha dei vasi comunicanti che per il bene comune e dell’azienda prendono le decisioni con il potere reale del voto senza che un compartimento abbia più potere degli altri visto che gli utili al netto sono spartiti in modo ugualitario tra i proprietari/lavoratori. Lo stato è il garante per quanto riguarda pensioni, sanità e normativa sul lavoro. La proprietà dell’azienda è transitoria poiché raggiunta l’età della pensione cessa la proprietà individuale dell’azienda dando la possibilità di un ricambio generazionale e senza che ci sia nepotismo ed eredità della proprietà. La proprietà collettiva non riguarda solo l’industria ma tutti i compartimenti aziendali quali alimentari, cooperativi, bancari, servizi e distribuzione. Gli stessi negozi non diventano di stato ma non esiste più il dipendente salariato a uno stipendio più basso del proprietario. Gli stessi punti di distribuzione diventano di proprietà collettiva in modo che anche qui in modo egualitario il netto sia diviso tra tutti i lavoratori della distribuzione. Lo stato può finanziare queste aziende collettive con prestiti in parte a fondo perduto e in parte restituibili appena l’azienda è solida. In Italia inoltre visto il notevole problema della criminalità organizzata radicata in quattro regioni la certificazione antimafia è indispensabile. La proprietà privata si assurge solo in senso collettivo. Solo la prima casa resta di proprietà individuale mentre il patrimonio immobiliare dei palazzinari diventa di proprietà collettiva degli inquilini e in parte dello stato che deve garantire la casa a tutti/e. Lo stato ha lo scopo di garantire la nascita della proprietà collettiva e di garantire casa, istruzione, energia, sanità e acqua a tutti nel senso che sono di proprietà pubblica e non privata. Tutto il resto diventa proprietà collettiva privata. SINDACALISMO E PROPRIETA’ COLLETTIVA Il sindacalista qui preso in considerazione è un rivoluzionario nel senso che il suo scopo non sono aumenti paga ma l’ottenimento della proprietà collettiva dell’azienda. Il suo lavoro sfocia nell’obiettivo di avanguardia sindacalista rivoluzionaria per la presa del potere nell’azienda. All’interno dell’azienda il potere da conquistare passa dagli operai che hanno tutto l’interesse di essere proprietari dell’azienda e di organizzare il proprio tempo lavoro e le proprie mansioni in modo non alienante, non gerarchico e di reale benessere sul luogo di lavoro. Quindi le lotte per gli aumenti di pochi spiccioli appartengono al sindacalismo in mano al capitalismo mentre il nostro sindacato è un sindacato rivoluzionario per la proprietà collettiva delle aziende. L’operaio non deve lottare da solo ma deve persuadere anche gli altri compartimenti come progettisti, colletti bianchi etc. della giustezza del nuovo ordine interno e la possibile alleanza già in fase di lotta per la conquista del potere in azienda. Questo lavoro unificante deve essere fatto dal sindacato rivoluzionario che ponga la questione del potere gerarchico in azienda come forma alienabile e formi la lotta dei compartimenti e che abbia negli operai la cinghia di trasmissione. Il rapporto di democrazia interna hai compartimenti dell’azienda (operai, colletti bianchi, manager, progettisti e cosi via) per cui il sindacato lotta è di tipo orizzontale e assembleare. Tutte le decisioni riguardo investimenti, progettazione, spese, distribuzione del reddito interno all’azienda in mode egualitario, avverranno con comunicazione e illustrazione chiara e soddisfacente, nelle assemblee dei lavoratori, con votazione palese e dopo discussione assemblare. Le decisioni di ogni compartimento dell’azienda saranno comunicate agli altri reparti. Una volta ottenuta la proprietà collettiva dell’azienda, il sindacato resta come forma di tutela dei lavoratori dell’azienda collettiva su tutte le normative riguardo al lavoro. Il delegato sindacale è incaricato dai lavoratori dell’azienda tramite assemblee e con votazione palese. Il delegato sindacale di ogni reparto dell’azienda ha anche il compito di essere la cinghia di trasmissione di comunicazione tra i vari reparti (ad esempio: il reparto progettazione deve comunicare e proporre la produzione di un suo manufatto agli altri reparti, comunicherà ciò a tutti i delegati sindacali che indiranno le assemblee interne, in cui il reparto proponente con suoi delegati illustrerà la proposta. Dopo l’illustrazione e discussione ci si avvale del voto palese dei lavoratori per approvazione e diniego della proposta.)Il consiglio di fabbrica e/o di Azienda è l’organo decisionale e di confronto dei delegati dei reparti. I membri sono eletti con voto proporzionale e palese da ogni reparto. La delega scaturita dal voto è revocabile in qualunque momento con voto a maggioranza dal reparto che lo aveva eletto. Il delegato del consiglio di Fabbrica e/o di Azienda può anche non essere appartenente al sindacato. Il delegato Sindacale può essere fatto decadere da una mozione dei lavoratori a voto palese e avendo la maggioranza dei voti totali. L’INSURREZIONE DEI BORGHESI E LA RIVOLUZIONE SOCIALE L’insurrezione demandata e voluta dalla classe borghese contro la tirannia di pochi su uno stato è un’insurrezione fine solo a cambiamenti di facciata, poiché i borghesi manterrebbero il potere nelle loro mani. Le insurrezioni da sempre hanno bisogno delle masse, cioè proletari e sottoproletari (lavoratori e disoccupati) , poiché essi sono i veri motori per necessità dell’insurrezione. Il rovesciare un dittatore, o un apparato dispotico, non significa mutare gli equilibri sociali di classe. I borghesi illuminati di sinistra incitano il popolo all’insurrezione ma in cambio di cosa, noi proletari e sottoproletari dovremmo insorgere? Per cambiare i borghesi al potere con borghesi a loro alternativi più democratici? Ma resterebbe la società divisa in classi, con le sue gerarchie e lobby e per noi insorti, i proletari e i sottoproletari, non ci sarebbe il governo delle nostre vite, la costruzione di una nuova società, di un’altra economia alternativa a quella presente attualmente nel pianeta. Insorgere per mantenere lo stesso stato sociale gerarchico che ci ha portato all’insurrezione, è una sconfitta. E’ un’insurrezione governata dalla stessa classe, la borghesia che divisa in fazioni lotta per il potere. Bene noi non ci presteremmo a ciò. A essere funzionali solo a cambi di facciata che mantengono lo stesso ordine. La nostra insurrezione sarà la rivoluzione sociale. Intellettuali e Borghesi sappiano che: la rivoluzione sociale cioè la rivoluzione dei proletari rifugge dagli intellettuali e ne nega la guida. Come i borghesi illuminati essi fanno parte di un’altra classe. Gli stessi che ora comandano il capitale come classi, non li vogliamo a governare la nostra società. Noi proletari avochiamo a noi stessi la forza rivoluzionaria e il governo. Noi proletari saremmo lo stato nuovo. Non i borghesi, che di destra o di sinistra sempre di quella classe fanno parte. Non gli intellettuali che producano sapere per il miglior offerente. La RIVOLUZIONE SOCIALE per rovesciare gli equilibri di classe ha il Diritto all’Insurrezione, poiché il POTERE DEL POPOLO STA NELLA CANNA DEL FUCILE. Ciò è costituito anche per mantenere il potere dei sotto proletari e proletari contro il rovesciamento della società senza classi. La Rivoluzione Sociale costituisce un’unione di classe tra sottoproletari e proletari per il rovesciamento della borghesia e del capitalismo. STRUMENTO è l’INSURREZIONE.L’UNIONE RIVOLUZIONARIA E’ SOLO TRA PROLETARI E SOTTO PROLETARI! LA RIVOLUZIONE SOCIALE E’ UN INSURREZIONE E IL FRONTE E’ IN TUTTO IL MONDO! SCOPO E’ LA RIVOLUZIONE! ESSI, L’ALTA BORGHESIA, O PRENDONO UN AEREO E SE NE VANNO O SI ARRENDONO O LI ARRESTIAMO! E’ RIVOLUZIONE SOCIALE NOI SIAMO UN FRONTE ED E’ GUERRA SANTA DEI PROLETARI E SOTTOPROLETARI!Noi siamo: Quando vuoi qualcosa che è tuo,non elemosinarlo con il capello in mano,ma Pretendilo con la Pistola In Pugno! Noi siamo per la Rivoluzione Sociale Armata !  MILIZIA PROLETARIA GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE la MILIZIA PROLETARIA è composta esclusivamente da PROLETARI E SOTTO PROLETARI la cui FORZA RIVOLUZIONARIA è A LORO AVOCATA. Loro compito nella SOCIETA’ CAPITALISTICA DELLA SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI è IL ROVESCIAMENTO DI ESSA. I PROLETARI E SOTTOPROLETARI CON LA LORO UNIONE SOCIALE HANNO IL COMPITO DI SOVVERTIRE GLI STATI CAPITALISTI E INSTAURARE LA SOCIETA’ SENZA CLASSI DELLO STATO NUOVO DEI PROLETARI E SOTTO PROLETARI. ESSI devono SVILUPPARE L’ODIO DI CLASSE DEI SOTTOPROLETARI E PROLETARI nei CONFRONTI DELLA DECADENTE BORGHESIA e dei LORO GARANTI. L’ODIO DI CLASSE CONTRO I BORGHESI, CLASSE DOMINANTE, è il PROCESSO NATURALE verso l’odio che il BORGHESE NUTRE NEI CONFRONTI dei PROLETARI E SOTTOPROLETARI. Essi ridono del nostro sfruttamento e miseria e ci incatenano all’acceso dei beni primari, illudendoci che un maggior accesso hai beni primari faccia di noi dei RICCHI. BENE, PRENDIAMO COSCIENZA DI CIO’ E CON IL NOSTRO ODIO DI CLASSE RIVOLUZIONARIO RISPONDIAMO ALLA LORO RISATA DI GOZZOVIGLIATORI. Noi ESPROPRIEREMO anche con LA FORZA le LORO AZIENDE. NE FAREMO PROPRIETA’ PRIVATE TEMPORANEE DEI LAVORATORI DELLE AZIENDE. CREEREMO NELLA SOCIETA’ SENZA CLASSI, LA SOCIETA’ CON UNICA CLASSE, QUELLA EGUALITARIA, LA RICCHEZZA COMUNE. La proprietà privata è solo concepita e assunta a livello collettivo. COMPITO DELLA MILIZIA DEL PROLETARIATO E DEL SINDACATO RIVOLUZIONARIO E’ L’ABBATTIMENTO DEL CAPITALISMO, DELLA BORGHESIA CON I SUOI LACCHE’, DELLA SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI, LA PRESA DEL POTERE IN AZIENDE E APPARATI DELLO STATO, COME L’ESERCITO CON LE SUE ARMATE. NEL PROCESSO RIVOLUZIONARIO E’ FONDAMENTALE ROMPERE LE FORZE ARMATE E FARLE CONFLUIRE IN COMITATI DELLE FORZE ARMATE PER LA RIVOLUZIONE PROLETARIA. La DEMOCRAZIE INTERNA è COSTITUENTE DELLA SOCIETA’ SENZA CLASSI E DELLO STATO NUOVO: Le forme di rappresentanza sono plurali, intese nella democrazia orizzontale e diretta e con il potere di revoca in qualunque momento del mandato. La creazione di una democrazia che attraversi tutti i processi della società, in modo orizzontale e non piramidale. Democrazia interna intesa come ha dei vasi comunicanti che per il bene comune prendono le decisioni con il potere reale del voto senza che un compartimento o un individuo abbia più potere degli altri. LE MILIZIE RIVOLUZIONARIE DEL PROLETARIATO HANNO IL DIRITTO ALL’INSURREZIONE IN TUTTO IL MONDO! IL POTERE DEL POPOLO STA NELLA CANNA DEL FUCILE! I PROLETARI E SOTTOPROLETARI SONO IL POPOLO! La MILIZIA deve avere il controllo del territorio; inteso come città, quartieri, campagne. LA MILIZIA RIVOLUZIONARIA ha il POTERE di LEGIFERARE, e con il CONSENSO dei PROLETARI E SOTTOPROLETARI, nel avere il controllo del territorio per proteggere gli interessi dei proletari e sotto proletari lì abitanti, eseguire le leggi emanate. Le Forze del “dis”ordine di stato (strumento della borghesia, sono nemiche della MILIZIA fino all’abbattimento del Capitalismo. Nello STATO NUOVO LE MILIZIE PROLETARIE DIVENTANO I GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE PROLETARIA. Esse devono sventare tentativi gerarchici di abbattimento dello stato nuovo, creazioni di clan, gerarchie, poteri statali deviazionisti. Le Milizie si muovono al di sopra della POLIZIA. Le Milizie Controllano il Territorio e la vita dello stato per evitare tentativi di presa di Potere Gerarchici e ritorno alla SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI. ESSI SONO I GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE! LE MILIZIE NON SI OCCUPANO DI TUTTE LE APPLICAZIONI DELLE LEGGI, MA SOLO DI UNA PARTE, PER LE GARANZIE COSTITUITE NEL PROCESSO RIVOLUZIONARIO PROLETARIO. LA MILIZIA PROLETARIA HA IL COMPITO DI MANTENERE LA SOCIETA’ IN UNA SITUAZIONE DI RIVOLUZIONE PERMANENTE. COSTITUITE IN CELLULE DI VARI NUMERI E CELLULE INDIVIDUALI, ESSE SI MUOVONO SIA PER LO SBOCCO DEI PROLETARI E SOTTO PROLETARI NELLA RIVOLUZIONE SOCIALE, SIA PER MANTENERE LA RIVOLUZIONE IN UNA SITUAZIONE PERMANENTEMENTE RIVOLUZIONARIA. LORO COMPITO E’ ANCHE QUELLO DI ESSERE AGENTI RIVOLUZIONARI PROLETARI IN TUTTO IL MONDO, POICHE’ IL FINE E’ ARRIVARE AL PIANETA DEL SOCIALISMO DELLE INDIVIDUALITA’ E ALLA MORTE DEL CAPITALISMO. NOI SIAMO GARANTI DELL’ESISTENZA E DELLA LIBERTA’ DI CULTO DELLE VERE RELIGIONI NEL MONDO.  EUROPA ED ESERCITO EUROPEO L’Europa odierna è in mano al capitale e alle lobby economiche che creano solo miseria e sfruttamento sui popoli. E’ indispensabile creare un’altra Europa. Un’Europa totalmente libera e indipendente dall’Impero Usa per una piena sovranità Europea. E’ indispensabile la costituzione dell’esercito europeo che conterrà al suo interno gli Eserciti dei paesi del Maghreb (Marocco, Tunisia, Algeria), Egitto, Palestina (stato palestinese totalmente indipendente con il proprio Esercito per la protezione dei confini palestinesi), Libano, Siria, ( Turchia potrà entrare in UE solo quando i kurdi avranno il bilinguismo e l’autonomia regionale sull’esempio valdostano e tirolese). L’Europa qui costituita include il mediterraneo come confini europei. E’ indispensabile per l’INDIPENDENZA EUROPEA, il possesso delle ATOMICHE per essere indipendenti, sia dagli USA sia dalla Russia, poiché essi hanno arsenali Atomici. Le ATOMICHE EUROPEE saranno PUNTATE su USA e stati satelliti. Il possesso delle ATOMICHE EUROPEE è solo occorrente per un equilibrio tra potenze. L’Europa che costituiamo non sarà Imperiale e Neocolonialista, poiché mai farà guerra imperiali. L’Esercito Europeo potrà fare solo missioni non di Guerra, ma solo con mandati d’interposizione e missioni pacifiche ( Sminamento dei Territori minati con mine antiuomo e anticarro). E’ indispensabile la messa al bando di armi come uranio impoverito, armi al fosforo, armi chimiche, mine antiuomo. L’Europa che costituiremo non avrà queste armi. Lo Scioglimento della Nato è indispensabile poiché è lo strumento Imperiale degli USA. Le basi Nato se occorrenti all’Esercito Europeo saranno assorbite. SOCIALISMO DELLE INDIVIDUALITA' E ORGANIZZAZIONE: DAL PARTITO AI NODI SOCIALI Il Socialismo delle individualità e la forma di neo socialismo che nasce dalle ceneri delle prime esperienze socialiste rivoluzionare dell'800 e il Socialismo Reale dell'900. Abbiamo visto come le aspettative più libertarie e di libertà demo-socialista, siano state soffocate dal modello impostasi in tutto il mondo, dopo la rivoluzione di ottobre del 1917 nell'Impero Russo. La Russia che aveva visto nascere già durante la rivoluzione del 1905, i consigli o Soviet come strumento democratico-assembleare, dell'esercizio del potere e della presa delle decisioni da parte degli operai delle fabbriche, dei contadini e anche dell'Esercito, attraversando le varie componenti della società Russa, dopo un primo periodo di esercizio del potere, diventarono contenitori in mano al partito. L'errore di K. Marx, di visione politica di un contenitore centrale e unico, fino a diventare Partito-Stato, oltre che organizzazione rivoluzionaria in una prima fase, cioè fino alla presa del potere del Partito Comunista è stato un fallimento. In Russia l'egemonia Bolscevica sui consigli, fu all'inizio esclusivamente politica e di progetto per la creazione dello stato Socialista. Gradualmente, una volta che i Bolscevichi presero il potere, i consigli furono controllati ed egemonizzati dai bolscevichi, svuotandone il potere di espressione e decisionale del proletariato. Inoltre le decisioni del partito, in una forma che dal alto và verso il basso, imponeva le decisioni ai consigli, svuotava il potere dei consigli e levava loro voce. Passata la prima fase di difesa della Rivoluzione Russa dalla campagna controrivoluzionaria dei militari fedeli allo zar, e vinta dal partito bolscevico, il Partito generò Stalin, l'edificatore reale dell'Urss e del socialismo reale in un solo stato. Preso il controllo del partito, gradualmente eliminò con l'omicidio ogni mente pensante bolscevica che poteva avere idee, proposte e visioni del socialismo diversa dall'idea di Stalin. Inoltre Stalin voleva incarnare e prendere  nel immaginario popolare Russo il posto dello Zar e essere amato  dal popolo e temuto da tutti. I consigli diventarono delle messe in scena di democrazia socialista, che ratificavano solo le decisioni di Stalin. La libertà di stampa ed espressione non furono attuate e si tornò ad una situazione di potere assoluto, nelle mani di una persona, come ai tempi dello Zar. La Rivoluzione dei Soviet era finita. L'Unione Sovietica, come potenza sullo scenario mondiale, stava nascendo. Con il grosso sacrificio del popolo Sovietico, che in milioni pagarono con la vita e la deportazione, la volontà di industrializzare e modernizzare l'URSS e farne una potenza mondiale. Città e industrie, create dove non c'era nulla, nacquero in tutta l'URSS. I servizi di sicurezza, N.K.V.D ( poi KGB),  in mano ad un fedelissimo di Stalin e su la cui fedeltà Stalin non aveva dubbi, mise l'Urss in una situazione di stato di polizia, cioè di controllo di ogni cittadino. Il minimo sospetto di essere libertario, democratico o semplicemente, minimamente con un opinione propria che non ricalcasse il pensiero del despota o la fedeltà a Stalin, così come di essere trozkista, poteva costare la vita o la deportazione in campi di lavoro chiamati Gulag, da cui non c'era uscita. Tutto questo è stato permesso a Stalin e ai successivi despoti autodefinitesi comunisti, anche nell'Europa dell'Est alla fine della Guerra Mondiale, dal Manifesto del Partito Comunista di K.Marx. Il Partito Stato, che in Urss gestiva ogni sfera della vita economica, sociale, abitativa, culturale, di informazione e di aggregazione, ha defraudato il proletariato del potere che con i consigli esercitava, e che aveva preso con la rivoluzione di Febbraio e Ottobre 1917.  Inoltre Stalin esercitava un egemonia mondiale su tutti i partiti comunisti nel mondo, che prendevano direttive da mosca e finanziamenti. Solo i partiti comunisti trozkisti erano indipendenti da Stalin e dall'Urss, ma presto si sarebbero trovati messi alla gogna e repressi, come successe durante la Guerra Civile Spagnola del 1936, dove gli Stalinisti divisero il fronte repubblicano e repressero nel sangue comunisti Trozkisti, Comunisti Libertari e Anarchici. Alla fine della vittoria di Franco in Spagna, lo stesso Trotzki fu assassinato da un sicario stalinista, mandato da Mosca a Città del Messico, nella sua villa bunker. L'egemonia Stalinista sul proletariato mondiale era ora attuata e se ne vide la fine solo nel 1991, con lo scioglimento dell'URSS. Partendo dagli avvenimenti dell'900, penso che sia necessaria una profonda riflessione su come il potere debba essere governato e distribuito largamente, dopo le esperienze Socialiste e democratiche borghesi dell'occidente, in nuove forme  che chiameremo nodi sociali, e recuperando le forme più realmente democratiche e Socialiste. Cioè il possesso ed esercizio del Potere collettivo, che hanno attraversato ed esercitato nel tempo l'umanità, come forma fondante del nuovo ordine Socialista. Fondamentale è che il potere sia assunto a livello collettivo, da forme contenitore di numero vario di persone a secondo della specificità di partecipazione di tutti i cittadini. Assunto collettivamente nei luoghi di lavoro, amministrazioni, scuole e università, esercizi commerciali, forze armate, forze dell'ordine, nello scambio dialettico delle posizioni ed arrivando ad una sintesi comune, laddove è possibile, delle decisioni, con il metodo dell'assemblea e del voto palese. Laddove la sintesi comune non è possibile per posizioni distanti, la maggioranza del 51%  delibera.  L'organizzazione del Socialismo delle individualità si basa sui nodi sociali collettivi, contenitori che scambiano sapere, progetti, bisogni  collettivi e specifici, di genere in eterosessualità e individuali. Inoltre in fase rivoluzionaria, anche il nodo individuale può esistere, cioè è assunto come agente sovversivo individuale che corre parallelamente con i nodi collettivi e con cui interagisce, scambiando informazioni, idee, progetti, notizie e azioni. Inoltre può coordinarsi con gli altri nodi, costituendo temporaneamente la rete sociale per la rivoluzione, che in seguito, a rivoluzione avvenuta, si trasformerà in rete sociale. La rete sociale per la rivoluzione e la rete sociale non hanno un  centro,ma tanti nodi autonomi tra loro, che si collegano e interagiscono tra loro, correndo sia parallelamente, che in forma coordinata, come fa la rete di internet. La Rete Sociale Rivoluzionaria avrà nei Disoccupati e nei lavoratori, la parte fondante e nella fase post rivoluzionaria immediata, cioè la fase della costituzione dell'ordine nuovo e dello stato Socialista delle individualità, la costituzione della Milizia Proletaria/ Guardiani della Rivoluzione. Lo scopo Della Milizia Proletaria/ Guardiani della Rivoluzione di essere il nodo centrale per combattere e sventare tentativi controrivoluzionari e di ritorno delle gerarchie. L'uso della tecnologia facilità la connessione tra nodi, la comunicazione e l'interazione tra nodi, anche a distanze notevoli,permettendo la partecipazione e la presa di decisioni  anche in un territorio vasto. L'Uno Il Socialismo delle individualità nasce dall'evoluzione di pensiero e di coscienza che è frutto finale dell'900. Prendendo a pretesto la teoria liberale dell'  1, in cui si teorizza l'individuo completo in coscienza e conoscenza, che scala la gerarchia sociale ed essendo il più  abile, esso arriva in alto, fino al vertice massimo, competendo con tutti gli altri, in una lotta selvaggia, con tutti i mezzi possibili e non con atti solidaristici verso gli  altri meno abili. Nel Socialismo delle individualità si arriva fino all'unità definita 1, attraverso il processo costitutivo individuale di de-condizionamento da tutti i messaggi indotti sia di società tradizionale gerarchici , che di ruoli gerarchici tra uomo e donna di disparità di genere, produttivi, di competizione tra individui con l'emersione di uno sugli altri con ogni mezzo, per appagare l'ambizione di superiorità individuale sulla massa. Sia dall'inquinamento mentale del sistema attuale mass-mediatico, in mano alle multinazionali capitalistiche. Inoltre è fondamentale la consapevolezza di fare parte di un insieme che è il genere umano, partorito dal pianeta terra e di cui siamo parte integrante, prendiamo coscienza del fondamento che l'essere umano diventi custode del pianeta, quindi con un elevata coscienza ecologica e conservativa degli equilibri terreni della natura. Inoltre, affermando che ognuno è una specificità a se, diversa da tutti gli altri, anche se poi c'è sempre dei fattori che collegano l'individuo alla comunità,  in tutto o in parte, viene valorizzato il valore di ogni individuo, della capacità e volontà dello stesso di confronto costruttivo e dialettico nella comunità degli individui coscienti. Essendo collegato alla comunità e in nome del benessere comune, gli individui, con le loro specificità, ed essendo ognuno interdipendente dall'altro, collaborano tra loro per il progresso civile, culturale, sociale della Società stessa in cui vivono. La dimensione privata del credo Religioso e di libertà di Culto delle Religioni presenti nel pianeta, trovano nell'uno libera scelta di fede e rispetto dell'altro, nell'accettazione della differenza tra i culti che si professa. La storia Millenaria degli esseri umani è stata attraversata, da sempre, da forme di Culto e Religiosità, che hanno contribuito ad una maggior comprensione dell'esistente. Le Religioni hanno pari dignità e l'Uno può praticare e seguire una religione, anche nella ricerca Mistica di Dio, fino a trovarlo nel suo cammino di vita.  Altresì, l'Uno, può anche essere Laico riguardo le Religioni, ma porre come centrale, nel percorso individuale che affronta, l'umanità che lo percorre, nella ricerca del bene, in se e in ciò che ha attorno. Costituendo un percorso evolutivo della società con il fine di giungere al meglio dell'essere umano.  L'Uno ogni giorno, cioè ogni individuo, edifica la società neo-socialista quotidianamente, nei contenitori collettivi, dove il potere è assunto a livello collettivo e non gerarchico. Quindi è fondante, nel nuovo ordine costituito, la democrazia diretta e partecipativa ed assembleare, reali   espressioni Democratiche esercitate nel nuovo sistema socialista. IL POTERE E LE MASSE CENTRALITA' DEL PROCESSO EVOLUTIVO  La Storia dell'umanità ci ha insegnato, come il potere sia centrale nel rapporto tra gli stessi  individui e le forme gerarchiche di Governo. Da migliaia di anni le società, sono state governate da forme piramidali di potere, dove dall'alto verso il basso, si impone i propri voleri. Il popolo ha sempre subito questo tipo di rapporto gerarchico di potere. Contraddire l'ordine gerarchico, poteva costare la vita. Inoltre gli stessi individui erano divisi al loro interno tra uomini liberi, artigiani e schiavi. Sopra di essi sacerdoti, guerrieri e monarchi. Il primo uomo che tentò di sovvertire l'ordine costituito esistente all'epoca e liberarsi del suo ruolo di schiavo, ha il nome di SPARTACO. Lo schiavo Spartaco, nell'impero Romano, era stato acquistato ad un mercato di schiavi, per farne un gladiatore. La sua vita come quella di altri,  era in balia dello spettacolo della Guerra tra schiavi nei circhi, veri e propri mattatoi di esseri umani. Esso assieme ad altri gladiatori, si sollevò al giogo del circo e scappando da Gaeta, diventò esso e il primo gruppo di schiavi, ben presto, l'incubo delle legioni Romane e dell'Impero Romano. A Spartaco e al suo grido di libertà, presto si aggiunsero migliaia di schiavi  da ogni luogo di Italia, che lottavano per la loro libertà. A Roma il ripristino dell'ordine, costò varie sconfitte e la morte di migliaia di legionari. Alla fine circondati, Spartaco e gli Ex Schiavi, dettero l'ultima battaglia, sapendo che è meglio la morte da liberi che tornare ad essere schiavi. E' il primo esempio di ribellione degli ultimi ad un potere totale e negatore della dignità dell'essere umano e della libertà dell'individuo. Spartaco è per tutti noi un esempio vivo e sempre attuale. Da Spartaco ad oggi ci sono stati rivolgimenti degli ultimi, rivoluzioni, tentativi di rovesciamento degli ordini costituiti con sviluppi non sempre riusciti nell'obbiettivo che la parte bassa della piramide avesse il governo delle proprie vite e della società in cui vivevano. Il pensiero formulato nell'800 da vari pensatori, per la liberazione degli strati più bassi della società dal potere dispotico, tirannico della classe borghese e monarchica e dell'emergente struttura economica capitalistica, in mano borghese, vide nell'900 un alta conflittualità sociale.  il proletariato fin dai primi dell' 900, fù il protagonista delle lotte per arrivare al governo dei lavoratori. Essi organizzati nella forma partito, tentarono in vari luoghi le rivoluzioni. Il proletariato però non capì che la forma partito, formulata verso la fine dell'800 dai pensatori del Socialismo e del Comunismo, non avrebbe prodotto il governo dei proletari, ma strutture piramidali, dispotiche e tiranniche. Infatti basti pensare all' Urss, che realizzò una forma di socialismo, che vide nel manifesto del partito comunista di K.Marx, la struttura portante dello stato e della forma organizzativa della società.  I Soviet (consigli) che dettero il nome all'ex impero zarista, cioe' Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, diventarono dei contenitori vuoti, ridotti a licenziare le direttive del capo supremo e del partito, leader assoluto e indiscusso, i cui voleri erano incontestabili, e se contraddetti pena la morte. Ciò accadde perché' nessuno pose il problema di come la questione del potere fosse centrale, potesse essere un arma contro il proletariato,  che se non distribuito in modo orizzontale ed egualitario, poteva ricreare forme reazionarIe. Infatti l'Urss e gli stati Socialisti, costituiti dopo il 1917, ebbero sempre un capo indiscusso e uno stato totalitario. Libertà di stampa e di parola promesse furono negate, quindi fu negato l'atto di liberazione dei proletari e l'autogoverno nella società socialista. L'ambizione dell'individuo di governare in modo assoluto il popolo o basti pensare alla minima ambizione di prevalere sul l'altro  e' centrale. Fino a quando l'essere umano sarà governato dall'ambizione di superiorità sugli altri individui, di essere il capo e imporre la propria volontà, idea, e tipo di sistema in vari campi della società,  ogni forma di socialismo fallirà. L'individuo  per poter costituire, in nuovo processo rivoluzionario per la liberazione sociale del proletariato e del sotto-proletariato, dalle gerarchie e dal ruolo del capo su di esse, deve porsi come parte collaborativa tra individui, negandosi, nella NUOVA FORMA EVOLUTIVA, L'AMBIZIONE DI SUPERIORITA' SUGLI ALTRI INDIVIDUI.   La questione del potere  che ha attraversato l'umanità nella storia, nella rappresentazione gerarchica , ci fà capire come evolversi, si traduce in un nuovo individuo che non vuole sottomettere l'altro ma anzi  e' fondamentale porsi realmente in modo ugualitario tra individui, negando ogni ambizione di prevalere sull'altro e negando in ogni modo le gerarchie, in ogni forma possibile cioe' sociali, politiche, amministrative, statali, militari e di genere.    La nuova forma evolutiva vede nella collaborazione tra individui coscenti che ogni individuo e' indispensabile all'altro e che nessun individuo deve prevalere sull'altro per l'ambizione di comandare. l'intelligenza dell'essere umano,  qui presa come fondante con un processo di autoanalisi continua per la destrutturazione delle negatività nell'area oscura della mente,  dimora della negatività che produce l'ambizione di comandare sugli altri, sottometterli e governarli. l'egoismo individuale deve essere negato, essendo una forma di distruzione dell'umanità all'interno delle società e nei rapporti tra esseri umani.  Il potere oltre che essere centrale nella nuova forma di coscenza individuale,deve essere organizzato in modo lineare ed egualitario in tutta la società, organizzata in modo non gerarchico e democratico. Questo e' Socialismo delle individualità. Soggetti Rivoluzionari nella Rivoluzione Sociale Il processo rivoluzionario per l'attuazione della rivoluzione sociale vede nei poveri e nei lavoratori l'unione di classe fondamentale. Il Capitalismo produce un consistente numero di poveri e distribuisce la ricchezza ad un esiguo numero di privilegiati. Sovvertire questo ordine e' compito di coloro che da sempre stanno nella parte bassa della società. In Europa la consistente presenza di immigrati poveri di vari luoghi del pianeta, li pone nel loro interesse di classe, di unirsi ai disoccupati autoctoni e ai lavoratori autoctoni nel processo rivoluzionario per la costituzione del Socialismo delle Individualità. Neghiamo il nostro interesse a soggetti interclassisti come sono i gay/lsb che come abbiamo visto, il loro interesse e' esclusivamente borghese. Essi non sono destabilizzanti per il capitalismo ma sono parte integrante del Capitalismo. Il loro desiderio tra i tanti e' la ricchezza economica ed essere nel ingranaggio capitalistico per il loro esclusivo interesse e benessere. Non possiamo pensare che siano conquiste  avere gay/lsb  negli Eserciti, Servizi Segreti, Banche, Multinazionali, Parlamenti ed etc. Come abbiamo visto negli ultimi 15 anni nell'Impero U.S.A e in altri stati dell'Asse Imperiale U.S.A, essi sono una delle lobby che combatte i popoli e le Civilta' del Pianeta, sia partecipando attivamente nelle macchine belliche ed economiche Imperiali. Sia creando culturalmente un relativismo di genere per la creazione della confusione di genere, finalizzata ad aumentare l'omosessualita' nel Mondo. Gli U.S.A hanno nelle loro lobby gay/lsb, il progetto di costituirsi in comunita' propria come se fossero un popolo specifico o  come loro pensano, di essere una razza. Essi hanno teorizzato comunità in cui essi hanno film con registi omosex, sceneggiatori omosex, attori ed attrici omosex e storie omosex e non solo. E' da ricordare che ciò già stà accadendo nell'Impero U.S.A e altri stati da anni. Essi vorrebbero costituire e costituiscono comparti della loro societa' in funzione omosex, come in MTV U.S.A , Gran Bretagna, Europa e altri stati. Ricordo che essi non sono diversi da altri che fecero nefandenze nella storia dell'umanita', poiche' essi ebbero anche le Squadre di Assalto (S.A) NazionalSocialiste omosex, che furono la struttura portante per la presa del potere da parte di Hitler. Inoltre Il Nazista Austriaco Haider era Omosex, Xenofobo, Antislamico e Borghese. Gli Omosex  nella  nostra epoca sono lacche', come tanti  di loro furono in passato e sono nemici di classe dell'unione sociale rivoluzionaria. L'unione di classe e' un unione esclusivamente tra etero, in cui le fedi religiose trovano spazio per il loro culto, nella costituzione di uno spazio comune di convivenza civile, fatta di rispetto reciproco, in uno spazio laico non ateizzante.                           TANA       ROSSA PONTEDERA LABORATORIO POLITICO PER LE LOTTE SOCIALI. APARTITICO E INDIPENDENTE. NODO AUTOGESTITO E AUTONOMO DEI PARTITI E ASSOCIAZIONI. CONTRO LA PSEUDO SINISTRA RADICALE E ORMAI PARLAMENTARE ( SEL ) E DEI LIBERISTI DEL PARTITO DEMOCRATICO, DELLE ASSOCIAZIONI LORO BRACCIO CULTURALE COME L’ARCI. PROPAGANDIAMO L’ASTENSIONE AL VOTO. LA DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATIVA IN UNA SOCIETA’ AFFRANCATA DALLE MULTINAZIONALI.
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
İlgililere Sesleniyorum Bu adam Bir Harika Dostum.
Report spam or abuse
Report spam or abuse
BOB MARLEY  c'est la vie.
Report spam or abuse
I hate that sheriff John Brown... bang bang
Report spam or abuse
SENZA RESA SENZA RESA ANNO 2010/11 1° parte Azienda Collettiva e Proprietà Privata Sindacalismo e Proprietà Collettiva Aggiunto 29/03/2011 Rivoluzione Sociale Aggiunto 30/03/2011 Europa e Esercito Europeo Aggiunto 5/5/2011 a Milizia Proletaria e Guardiani della Rivoluzione  ANNO 2015 2° parte  Aggiunto 30/01/2015 Socialismo delle individualita' e organizzazione: Dal Partito ai Nodi Sociali  Aggiunto 30/01/2015 L'Uno Aggiunto  3/02/2015 Il Potere e le Masse e Centralità del Processo Evolutivo Aggiunto 3/02/2015 Soggetti Rivoluzionari nella Rivoluzione Sociale Senza Resa è un documento che nasce per uscire dalle secche politiche e storiche del ’900 in cui la via russa al socialismo è fallita. Ovunque in Europa il socialismo reale di stampo russo/Urss è stato la dittatura di despoti e del partito. Per questo ogni proletario non può che uscire da quel modello e organizzarsi in altre forme. Forme che chiameremo democrazia socialista orizzontale organizzata in nodi collettivi e individuali. Inoltre oggi solo il capitalismo è il modello economico che è praticato e imposto nei territori del pianeta. Come proletario sia per condizione che coscienza di classe e individuale credo che il plus valore sul prodotto e la ricchezza, in quantità di tempo sottratto all’individuo dal lavoro e dalla necessità di procurarsi i beni essenziali (casa, vivande, energia, Gas, studi), sia il nodo dello sfruttamento del capitalismo e del suo ordine. Poiché la paga non è la felicità, dobbiamo uscire dalla condizione di proletari sconfitti e privi di potere, incatenati all’accesso dei beni di prima necessità in cambio del furto del nostro tempo. Quindi non necessitiamo di aumenti di paga ma del potere sul prodotto cioè la creazione della proprietà collettiva privata delle aziende per liberarci dalle catene gerarchiche del capitalismo e assumere direttamente le redini dell’azienda praticando all’interno dell’azienda la democrazia orizzontale e diretta sui processi produttivi. Ciò comporterebbe sia una diversa forma di organizzazione del tempo dell’individuo sia dell’accesso hai beni essenziali. Casa, istruzione, reddito e sanità sono diritti dell’individuo inalienabile. L’accesso a casa e reddito devono essere garantiti a tutti come il diritto e l’accesso gratuito all’istruzione. Casa, sanità e istruzione devono essere pubbliche e a tutti garantiti come il diritto al reddito. Il fine è giungere ad una società senza classi dove le aziende sono proprietà collettiva privata dei lavoratori in cui essi sono tutti soci. Proprietà dello stato e sue competenze saranno l’energia, l’acqua, l’istruzione e le politiche abitative con proprietà parziale del patrimonio abitativo dei territori e l’istruzione in tutti i suo gradi (dall’asilo all’università). Infatti, il pubblico resta strategico in alcuni settori di utilità collettiva ma senza diventare il proprietario di tutti i settori come fabbriche, negozi etc e non ricalcando lo statalismo dell’URSS e dei paesi chiamati socialisti come abbiamo visto nell' 900. La proprietà privata è solo concepita e assunta a livello collettivo. Quindi è la sparizione del capitalismo individualista ma la nascita della società degli individui che collaborano tra di loro per il bene comune, definibile come il socialismo delle individualità. Anche le forme politiche sono plurali intese nella democrazia orizzontale e diretta e con il potere di revoca in qualunque momento del mandato amministrativo della massima durata di un mandato nelle istituzioni locali e nazionali. Il fine è: sia la sparizione della casta dei politici a vita, che da sempre godono di privilegi e redditi generosi. Sia la creazione di una democrazia che attraversi tutti i processi della società, in modo orizzontale e non piramidale. Poiché per la costruzione di una casa sono indispensabili i muratori, il geometra e l’architetto, essi sono realmente interdipendenti poiché senza una di queste figure l’abitazione non si costruisce, lo stesso si può dire della società senza classi poiché ognuno di noi è indispensabile all’altro nel processo produttivo e sociale. AZIENDA COLLETTIVA E PROPRIETA’ PRIVATA Le aziende da sempre sono organizzate in ordine gerarchico e piramidale. All’apice il padrone o il socio di maggioranza. L’azienda che propongo invece è orizzontale e con democrazia diretta e partecipativa interna e con distribuzione egualitaria del guadagno effettuato dall’azienda. La proprietà dell’azienda è collettiva nel senso che operai, colletti bianchi, progettisti, tecnici e via dicendo sono tutti proprietari dell’azienda in modo netto ed egualitario. Le decisioni interne all’azienda sono decise in modo assembleare all’interno dell’azienda in modo lineare, orizzontale e senza che un compartimento abbia più potere degli altri. La fabbrica agli operai diventa una realtà nel senso che essi ne diventano proprietari. L’azienda resta privata e non di stato ma di proprietà di chi ci lavora. Le decisioni riguardo investimenti, prodotto, divisione degli utili, avvengono tramite la democrazia partecipativa e diretta nel senso che tutte le decisioni che riguardano l’azienda sono prese in assemblee dei lavoratori (operai, manager, colletti bianchi etc.) in cui sono illustrate le proposte, i progetti, la divisione degli utili e in cui tramite votazione sono prese tutte le decisioni. Bisogna pensare la democrazia interna all’azienda come ha dei vasi comunicanti che per il bene comune e dell’azienda prendono le decisioni con il potere reale del voto senza che un compartimento abbia più potere degli altri visto che gli utili al netto sono spartiti in modo ugualitario tra i proprietari/lavoratori. Lo stato è il garante per quanto riguarda pensioni, sanità e normativa sul lavoro. La proprietà dell’azienda è transitoria poiché raggiunta l’età della pensione cessa la proprietà individuale dell’azienda dando la possibilità di un ricambio generazionale e senza che ci sia nepotismo ed eredità della proprietà. La proprietà collettiva non riguarda solo l’industria ma tutti i compartimenti aziendali quali alimentari, cooperativi, bancari, servizi e distribuzione. Gli stessi negozi non diventano di stato ma non esiste più il dipendente salariato a uno stipendio più basso del proprietario. Gli stessi punti di distribuzione diventano di proprietà collettiva in modo che anche qui in modo egualitario il netto sia diviso tra tutti i lavoratori della distribuzione. Lo stato può finanziare queste aziende collettive con prestiti in parte a fondo perduto e in parte restituibili appena l’azienda è solida. In Italia inoltre visto il notevole problema della criminalità organizzata radicata in quattro regioni la certificazione antimafia è indispensabile. La proprietà privata si assurge solo in senso collettivo. Solo la prima casa resta di proprietà individuale mentre il patrimonio immobiliare dei palazzinari diventa di proprietà collettiva degli inquilini e in parte dello stato che deve garantire la casa a tutti/e. Lo stato ha lo scopo di garantire la nascita della proprietà collettiva e di garantire casa, istruzione, energia, sanità e acqua a tutti nel senso che sono di proprietà pubblica e non privata. Tutto il resto diventa proprietà collettiva privata. SINDACALISMO E PROPRIETA’ COLLETTIVA Il sindacalista qui preso in considerazione è un rivoluzionario nel senso che il suo scopo non sono aumenti paga ma l’ottenimento della proprietà collettiva dell’azienda. Il suo lavoro sfocia nell’obiettivo di avanguardia sindacalista rivoluzionaria per la presa del potere nell’azienda. All’interno dell’azienda il potere da conquistare passa dagli operai che hanno tutto l’interesse di essere proprietari dell’azienda e di organizzare il proprio tempo lavoro e le proprie mansioni in modo non alienante, non gerarchico e di reale benessere sul luogo di lavoro. Quindi le lotte per gli aumenti di pochi spiccioli appartengono al sindacalismo in mano al capitalismo mentre il nostro sindacato è un sindacato rivoluzionario per la proprietà collettiva delle aziende. L’operaio non deve lottare da solo ma deve persuadere anche gli altri compartimenti come progettisti, colletti bianchi etc. della giustezza del nuovo ordine interno e la possibile alleanza già in fase di lotta per la conquista del potere in azienda. Questo lavoro unificante deve essere fatto dal sindacato rivoluzionario che ponga la questione del potere gerarchico in azienda come forma alienabile e formi la lotta dei compartimenti e che abbia negli operai la cinghia di trasmissione. Il rapporto di democrazia interna hai compartimenti dell’azienda (operai, colletti bianchi, manager, progettisti e cosi via) per cui il sindacato lotta è di tipo orizzontale e assembleare. Tutte le decisioni riguardo investimenti, progettazione, spese, distribuzione del reddito interno all’azienda in mode egualitario, avverranno con comunicazione e illustrazione chiara e soddisfacente, nelle assemblee dei lavoratori, con votazione palese e dopo discussione assemblare. Le decisioni di ogni compartimento dell’azienda saranno comunicate agli altri reparti. Una volta ottenuta la proprietà collettiva dell’azienda, il sindacato resta come forma di tutela dei lavoratori dell’azienda collettiva su tutte le normative riguardo al lavoro. Il delegato sindacale è incaricato dai lavoratori dell’azienda tramite assemblee e con votazione palese. Il delegato sindacale di ogni reparto dell’azienda ha anche il compito di essere la cinghia di trasmissione di comunicazione tra i vari reparti (ad esempio: il reparto progettazione deve comunicare e proporre la produzione di un suo manufatto agli altri reparti, comunicherà ciò a tutti i delegati sindacali che indiranno le assemblee interne, in cui il reparto proponente con suoi delegati illustrerà la proposta. Dopo l’illustrazione e discussione ci si avvale del voto palese dei lavoratori per approvazione e diniego della proposta.)Il consiglio di fabbrica e/o di Azienda è l’organo decisionale e di confronto dei delegati dei reparti. I membri sono eletti con voto proporzionale e palese da ogni reparto. La delega scaturita dal voto è revocabile in qualunque momento con voto a maggioranza dal reparto che lo aveva eletto. Il delegato del consiglio di Fabbrica e/o di Azienda può anche non essere appartenente al sindacato. Il delegato Sindacale può essere fatto decadere da una mozione dei lavoratori a voto palese e avendo la maggioranza dei voti totali. L’INSURREZIONE DEI BORGHESI E LA RIVOLUZIONE SOCIALE L’insurrezione demandata e voluta dalla classe borghese contro la tirannia di pochi su uno stato è un’insurrezione fine solo a cambiamenti di facciata, poiché i borghesi manterrebbero il potere nelle loro mani. Le insurrezioni da sempre hanno bisogno delle masse, cioè proletari e sottoproletari (lavoratori e disoccupati) , poiché essi sono i veri motori per necessità dell’insurrezione. Il rovesciare un dittatore, o un apparato dispotico, non significa mutare gli equilibri sociali di classe. I borghesi illuminati di sinistra incitano il popolo all’insurrezione ma in cambio di cosa, noi proletari e sottoproletari dovremmo insorgere? Per cambiare i borghesi al potere con borghesi a loro alternativi più democratici? Ma resterebbe la società divisa in classi, con le sue gerarchie e lobby e per noi insorti, i proletari e i sottoproletari, non ci sarebbe il governo delle nostre vite, la costruzione di una nuova società, di un’altra economia alternativa a quella presente attualmente nel pianeta. Insorgere per mantenere lo stesso stato sociale gerarchico che ci ha portato all’insurrezione, è una sconfitta. E’ un’insurrezione governata dalla stessa classe, la borghesia che divisa in fazioni lotta per il potere. Bene noi non ci presteremmo a ciò. A essere funzionali solo a cambi di facciata che mantengono lo stesso ordine. La nostra insurrezione sarà la rivoluzione sociale. Intellettuali e Borghesi sappiano che: la rivoluzione sociale cioè la rivoluzione dei proletari rifugge dagli intellettuali e ne nega la guida. Come i borghesi illuminati essi fanno parte di un’altra classe. Gli stessi che ora comandano il capitale come classi, non li vogliamo a governare la nostra società. Noi proletari avochiamo a noi stessi la forza rivoluzionaria e il governo. Noi proletari saremmo lo stato nuovo. Non i borghesi, che di destra o di sinistra sempre di quella classe fanno parte. Non gli intellettuali che producano sapere per il miglior offerente. La RIVOLUZIONE SOCIALE per rovesciare gli equilibri di classe ha il Diritto all’Insurrezione, poiché il POTERE DEL POPOLO STA NELLA CANNA DEL FUCILE. Ciò è costituito anche per mantenere il potere dei sotto proletari e proletari contro il rovesciamento della società senza classi. La Rivoluzione Sociale costituisce un’unione di classe tra sottoproletari e proletari per il rovesciamento della borghesia e del capitalismo. STRUMENTO è l’INSURREZIONE.L’UNIONE RIVOLUZIONARIA E’ SOLO TRA PROLETARI E SOTTO PROLETARI! LA RIVOLUZIONE SOCIALE E’ UN INSURREZIONE E IL FRONTE E’ IN TUTTO IL MONDO! SCOPO E’ LA RIVOLUZIONE! ESSI, L’ALTA BORGHESIA, O PRENDONO UN AEREO E SE NE VANNO O SI ARRENDONO O LI ARRESTIAMO! E’ RIVOLUZIONE SOCIALE NOI SIAMO UN FRONTE ED E’ GUERRA SANTA DEI PROLETARI E SOTTOPROLETARI!Noi siamo: Quando vuoi qualcosa che è tuo,non elemosinarlo con il capello in mano,ma Pretendilo con la Pistola In Pugno! Noi siamo per la Rivoluzione Sociale Armata !  MILIZIA PROLETARIA GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE la MILIZIA PROLETARIA è composta esclusivamente da PROLETARI E SOTTO PROLETARI la cui FORZA RIVOLUZIONARIA è A LORO AVOCATA. Loro compito nella SOCIETA’ CAPITALISTICA DELLA SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI è IL ROVESCIAMENTO DI ESSA. I PROLETARI E SOTTOPROLETARI CON LA LORO UNIONE SOCIALE HANNO IL COMPITO DI SOVVERTIRE GLI STATI CAPITALISTI E INSTAURARE LA SOCIETA’ SENZA CLASSI DELLO STATO NUOVO DEI PROLETARI E SOTTO PROLETARI. ESSI devono SVILUPPARE L’ODIO DI CLASSE DEI SOTTOPROLETARI E PROLETARI nei CONFRONTI DELLA DECADENTE BORGHESIA e dei LORO GARANTI. L’ODIO DI CLASSE CONTRO I BORGHESI, CLASSE DOMINANTE, è il PROCESSO NATURALE verso l’odio che il BORGHESE NUTRE NEI CONFRONTI dei PROLETARI E SOTTOPROLETARI. Essi ridono del nostro sfruttamento e miseria e ci incatenano all’acceso dei beni primari, illudendoci che un maggior accesso hai beni primari faccia di noi dei RICCHI. BENE, PRENDIAMO COSCIENZA DI CIO’ E CON IL NOSTRO ODIO DI CLASSE RIVOLUZIONARIO RISPONDIAMO ALLA LORO RISATA DI GOZZOVIGLIATORI. Noi ESPROPRIEREMO anche con LA FORZA le LORO AZIENDE. NE FAREMO PROPRIETA’ PRIVATE TEMPORANEE DEI LAVORATORI DELLE AZIENDE. CREEREMO NELLA SOCIETA’ SENZA CLASSI, LA SOCIETA’ CON UNICA CLASSE, QUELLA EGUALITARIA, LA RICCHEZZA COMUNE. La proprietà privata è solo concepita e assunta a livello collettivo. COMPITO DELLA MILIZIA DEL PROLETARIATO E DEL SINDACATO RIVOLUZIONARIO E’ L’ABBATTIMENTO DEL CAPITALISMO, DELLA BORGHESIA CON I SUOI LACCHE’, DELLA SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI, LA PRESA DEL POTERE IN AZIENDE E APPARATI DELLO STATO, COME L’ESERCITO CON LE SUE ARMATE. NEL PROCESSO RIVOLUZIONARIO E’ FONDAMENTALE ROMPERE LE FORZE ARMATE E FARLE CONFLUIRE IN COMITATI DELLE FORZE ARMATE PER LA RIVOLUZIONE PROLETARIA. La DEMOCRAZIE INTERNA è COSTITUENTE DELLA SOCIETA’ SENZA CLASSI E DELLO STATO NUOVO: Le forme di rappresentanza sono plurali, intese nella democrazia orizzontale e diretta e con il potere di revoca in qualunque momento del mandato. La creazione di una democrazia che attraversi tutti i processi della società, in modo orizzontale e non piramidale. Democrazia interna intesa come ha dei vasi comunicanti che per il bene comune prendono le decisioni con il potere reale del voto senza che un compartimento o un individuo abbia più potere degli altri. LE MILIZIE RIVOLUZIONARIE DEL PROLETARIATO HANNO IL DIRITTO ALL’INSURREZIONE IN TUTTO IL MONDO! IL POTERE DEL POPOLO STA NELLA CANNA DEL FUCILE! I PROLETARI E SOTTOPROLETARI SONO IL POPOLO! La MILIZIA deve avere il controllo del territorio; inteso come città, quartieri, campagne. LA MILIZIA RIVOLUZIONARIA ha il POTERE di LEGIFERARE, e con il CONSENSO dei PROLETARI E SOTTOPROLETARI, nel avere il controllo del territorio per proteggere gli interessi dei proletari e sotto proletari lì abitanti, eseguire le leggi emanate. Le Forze del “dis”ordine di stato (strumento della borghesia, sono nemiche della MILIZIA fino all’abbattimento del Capitalismo. Nello STATO NUOVO LE MILIZIE PROLETARIE DIVENTANO I GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE PROLETARIA. Esse devono sventare tentativi gerarchici di abbattimento dello stato nuovo, creazioni di clan, gerarchie, poteri statali deviazionisti. Le Milizie si muovono al di sopra della POLIZIA. Le Milizie Controllano il Territorio e la vita dello stato per evitare tentativi di presa di Potere Gerarchici e ritorno alla SOCIETA’ DIVISA IN CLASSI. ESSI SONO I GUARDIANI DELLA RIVOLUZIONE! LE MILIZIE NON SI OCCUPANO DI TUTTE LE APPLICAZIONI DELLE LEGGI, MA SOLO DI UNA PARTE, PER LE GARANZIE COSTITUITE NEL PROCESSO RIVOLUZIONARIO PROLETARIO. LA MILIZIA PROLETARIA HA IL COMPITO DI MANTENERE LA SOCIETA’ IN UNA SITUAZIONE DI RIVOLUZIONE PERMANENTE. COSTITUITE IN CELLULE DI VARI NUMERI E CELLULE INDIVIDUALI, ESSE SI MUOVONO SIA PER LO SBOCCO DEI PROLETARI E SOTTO PROLETARI NELLA RIVOLUZIONE SOCIALE, SIA PER MANTENERE LA RIVOLUZIONE IN UNA SITUAZIONE PERMANENTEMENTE RIVOLUZIONARIA. LORO COMPITO E’ ANCHE QUELLO DI ESSERE AGENTI RIVOLUZIONARI PROLETARI IN TUTTO IL MONDO, POICHE’ IL FINE E’ ARRIVARE AL PIANETA DEL SOCIALISMO DELLE INDIVIDUALITA’ E ALLA MORTE DEL CAPITALISMO. NOI SIAMO GARANTI DELL’ESISTENZA E DELLA LIBERTA’ DI CULTO DELLE VERE RELIGIONI NEL MONDO.  EUROPA ED ESERCITO EUROPEO L’Europa odierna è in mano al capitale e alle lobby economiche che creano solo miseria e sfruttamento sui popoli. E’ indispensabile creare un’altra Europa. Un’Europa totalmente libera e indipendente dall’Impero Usa per una piena sovranità Europea. E’ indispensabile la costituzione dell’esercito europeo che conterrà al suo interno gli Eserciti dei paesi del Maghreb (Marocco, Tunisia, Algeria), Egitto, Palestina (stato palestinese totalmente indipendente con il proprio Esercito per la protezione dei confini palestinesi), Libano, Siria, ( Turchia potrà entrare in UE solo quando i kurdi avranno il bilinguismo e l’autonomia regionale sull’esempio valdostano e tirolese). L’Europa qui costituita include il mediterraneo come confini europei. E’ indispensabile per l’INDIPENDENZA EUROPEA, il possesso delle ATOMICHE per essere indipendenti, sia dagli USA sia dalla Russia, poiché essi hanno arsenali Atomici. Le ATOMICHE EUROPEE saranno PUNTATE su USA e stati satelliti. Il possesso delle ATOMICHE EUROPEE è solo occorrente per un equilibrio tra potenze. L’Europa che costituiamo non sarà Imperiale e Neocolonialista, poiché mai farà guerra imperiali. L’Esercito Europeo potrà fare solo missioni non di Guerra, ma solo con mandati d’interposizione e missioni pacifiche ( Sminamento dei Territori minati con mine antiuomo e anticarro). E’ indispensabile la messa al bando di armi come uranio impoverito, armi al fosforo, armi chimiche, mine antiuomo. L’Europa che costituiremo non avrà queste armi. Lo Scioglimento della Nato è indispensabile poiché è lo strumento Imperiale degli USA. Le basi Nato se occorrenti all’Esercito Europeo saranno assorbite. SOCIALISMO DELLE INDIVIDUALITA' E ORGANIZZAZIONE: DAL PARTITO AI NODI SOCIALI Il Socialismo delle individualità e la forma di neo socialismo che nasce dalle ceneri delle prime esperienze socialiste rivoluzionare dell'800 e il Socialismo Reale dell'900. Abbiamo visto come le aspettative più libertarie e di libertà demo-socialista, siano state soffocate dal modello impostasi in tutto il mondo, dopo la rivoluzione di ottobre del 1917 nell'Impero Russo. La Russia che aveva visto nascere già durante la rivoluzione del 1905, i consigli o Soviet come strumento democratico-assembleare, dell'esercizio del potere e della presa delle decisioni da parte degli operai delle fabbriche, dei contadini e anche dell'Esercito, attraversando le varie componenti della società Russa, dopo un primo periodo di esercizio del potere, diventarono contenitori in mano al partito. L'errore di K. Marx, di visione politica di un contenitore centrale e unico, fino a diventare Partito-Stato, oltre che organizzazione rivoluzionaria in una prima fase, cioè fino alla presa del potere del Partito Comunista è stato un fallimento. In Russia l'egemonia Bolscevica sui consigli, fu all'inizio esclusivamente politica e di progetto per la creazione dello stato Socialista. Gradualmente, una volta che i Bolscevichi presero il potere, i consigli furono controllati ed egemonizzati dai bolscevichi, svuotandone il potere di espressione e decisionale del proletariato. Inoltre le decisioni del partito, in una forma che dal alto và verso il basso, imponeva le decisioni ai consigli, svuotava il potere dei consigli e levava loro voce. Passata la prima fase di difesa della Rivoluzione Russa dalla campagna controrivoluzionaria dei militari fedeli allo zar, e vinta dal partito bolscevico, il Partito generò Stalin, l'edificatore reale dell'Urss e del socialismo reale in un solo stato. Preso il controllo del partito, gradualmente eliminò con l'omicidio ogni mente pensante bolscevica che poteva avere idee, proposte e visioni del socialismo diversa dall'idea di Stalin. Inoltre Stalin voleva incarnare e prendere  nel immaginario popolare Russo il posto dello Zar e essere amato  dal popolo e temuto da tutti. I consigli diventarono delle messe in scena di democrazia socialista, che ratificavano solo le decisioni di Stalin. La libertà di stampa ed espressione non furono attuate e si tornò ad una situazione di potere assoluto, nelle mani di una persona, come ai tempi dello Zar. La Rivoluzione dei Soviet era finita. L'Unione Sovietica, come potenza sullo scenario mondiale, stava nascendo. Con il grosso sacrificio del popolo Sovietico, che in milioni pagarono con la vita e la deportazione, la volontà di industrializzare e modernizzare l'URSS e farne una potenza mondiale. Città e industrie, create dove non c'era nulla, nacquero in tutta l'URSS. I servizi di sicurezza, N.K.V.D ( poi KGB),  in mano ad un fedelissimo di Stalin e su la cui fedeltà Stalin non aveva dubbi, mise l'Urss in una situazione di stato di polizia, cioè di controllo di ogni cittadino. Il minimo sospetto di essere libertario, democratico o semplicemente, minimamente con un opinione propria che non ricalcasse il pensiero del despota o la fedeltà a Stalin, così come di essere trozkista, poteva costare la vita o la deportazione in campi di lavoro chiamati Gulag, da cui non c'era uscita. Tutto questo è stato permesso a Stalin e ai successivi despoti autodefinitesi comunisti, anche nell'Europa dell'Est alla fine della Guerra Mondiale, dal Manifesto del Partito Comunista di K.Marx. Il Partito Stato, che in Urss gestiva ogni sfera della vita economica, sociale, abitativa, culturale, di informazione e di aggregazione, ha defraudato il proletariato del potere che con i consigli esercitava, e che aveva preso con la rivoluzione di Febbraio e Ottobre 1917.  Inoltre Stalin esercitava un egemonia mondiale su tutti i partiti comunisti nel mondo, che prendevano direttive da mosca e finanziamenti. Solo i partiti comunisti trozkisti erano indipendenti da Stalin e dall'Urss, ma presto si sarebbero trovati messi alla gogna e repressi, come successe durante la Guerra Civile Spagnola del 1936, dove gli Stalinisti divisero il fronte repubblicano e repressero nel sangue comunisti Trozkisti, Comunisti Libertari e Anarchici. Alla fine della vittoria di Franco in Spagna, lo stesso Trotzki fu assassinato da un sicario stalinista, mandato da Mosca a Città del Messico, nella sua villa bunker. L'egemonia Stalinista sul proletariato mondiale era ora attuata e se ne vide la fine solo nel 1991, con lo scioglimento dell'URSS. Partendo dagli avvenimenti dell'900, penso che sia necessaria una profonda riflessione su come il potere debba essere governato e distribuito largamente, dopo le esperienze Socialiste e democratiche borghesi dell'occidente, in nuove forme  che chiameremo nodi sociali, e recuperando le forme più realmente democratiche e Socialiste. Cioè il possesso ed esercizio del Potere collettivo, che hanno attraversato ed esercitato nel tempo l'umanità, come forma fondante del nuovo ordine Socialista. Fondamentale è che il potere sia assunto a livello collettivo, da forme contenitore di numero vario di persone a secondo della specificità di partecipazione di tutti i cittadini. Assunto collettivamente nei luoghi di lavoro, amministrazioni, scuole e università, esercizi commerciali, forze armate, forze dell'ordine, nello scambio dialettico delle posizioni ed arrivando ad una sintesi comune, laddove è possibile, delle decisioni, con il metodo dell'assemblea e del voto palese. Laddove la sintesi comune non è possibile per posizioni distanti, la maggioranza del 51%  delibera.  L'organizzazione del Socialismo delle individualità si basa sui nodi sociali collettivi, contenitori che scambiano sapere, progetti, bisogni  collettivi e specifici, di genere in eterosessualità e individuali. Inoltre in fase rivoluzionaria, anche il nodo individuale può esistere, cioè è assunto come agente sovversivo individuale che corre parallelamente con i nodi collettivi e con cui interagisce, scambiando informazioni, idee, progetti, notizie e azioni. Inoltre può coordinarsi con gli altri nodi, costituendo temporaneamente la rete sociale per la rivoluzione, che in seguito, a rivoluzione avvenuta, si trasformerà in rete sociale. La rete sociale per la rivoluzione e la rete sociale non hanno un  centro,ma tanti nodi autonomi tra loro, che si collegano e interagiscono tra loro, correndo sia parallelamente, che in forma coordinata, come fa la rete di internet. La Rete Sociale Rivoluzionaria avrà nei Disoccupati e nei lavoratori, la parte fondante e nella fase post rivoluzionaria immediata, cioè la fase della costituzione dell'ordine nuovo e dello stato Socialista delle individualità, la costituzione della Milizia Proletaria/ Guardiani della Rivoluzione. Lo scopo Della Milizia Proletaria/ Guardiani della Rivoluzione di essere il nodo centrale per combattere e sventare tentativi controrivoluzionari e di ritorno delle gerarchie. L'uso della tecnologia facilità la connessione tra nodi, la comunicazione e l'interazione tra nodi, anche a distanze notevoli,permettendo la partecipazione e la presa di decisioni  anche in un territorio vasto. L'Uno Il Socialismo delle individualità nasce dall'evoluzione di pensiero e di coscienza che è frutto finale dell'900. Prendendo a pretesto la teoria liberale dell'  1, in cui si teorizza l'individuo completo in coscienza e conoscenza, che scala la gerarchia sociale ed essendo il più  abile, esso arriva in alto, fino al vertice massimo, competendo con tutti gli altri, in una lotta selvaggia, con tutti i mezzi possibili e non con atti solidaristici verso gli  altri meno abili. Nel Socialismo delle individualità si arriva fino all'unità definita 1, attraverso il processo costitutivo individuale di de-condizionamento da tutti i messaggi indotti sia di società tradizionale gerarchici , che di ruoli gerarchici tra uomo e donna di disparità di genere, produttivi, di competizione tra individui con l'emersione di uno sugli altri con ogni mezzo, per appagare l'ambizione di superiorità individuale sulla massa. Sia dall'inquinamento mentale del sistema attuale mass-mediatico, in mano alle multinazionali capitalistiche. Inoltre è fondamentale la consapevolezza di fare parte di un insieme che è il genere umano, partorito dal pianeta terra e di cui siamo parte integrante, prendiamo coscienza del fondamento che l'essere umano diventi custode del pianeta, quindi con un elevata coscienza ecologica e conservativa degli equilibri terreni della natura. Inoltre, affermando che ognuno è una specificità a se, diversa da tutti gli altri, anche se poi c'è sempre dei fattori che collegano l'individuo alla comunità,  in tutto o in parte, viene valorizzato il valore di ogni individuo, della capacità e volontà dello stesso di confronto costruttivo e dialettico nella comunità degli individui coscienti. Essendo collegato alla comunità e in nome del benessere comune, gli individui, con le loro specificità, ed essendo ognuno interdipendente dall'altro, collaborano tra loro per il progresso civile, culturale, sociale della Società stessa in cui vivono. La dimensione privata del credo Religioso e di libertà di Culto delle Religioni presenti nel pianeta, trovano nell'uno libera scelta di fede e rispetto dell'altro, nell'accettazione della differenza tra i culti che si professa. La storia Millenaria degli esseri umani è stata attraversata, da sempre, da forme di Culto e Religiosità, che hanno contribuito ad una maggior comprensione dell'esistente. Le Religioni hanno pari dignità e l'Uno può praticare e seguire una religione, anche nella ricerca Mistica di Dio, fino a trovarlo nel suo cammino di vita.  Altresì, l'Uno, può anche essere Laico riguardo le Religioni, ma porre come centrale, nel percorso individuale che affronta, l'umanità che lo percorre, nella ricerca del bene, in se e in ciò che ha attorno. Costituendo un percorso evolutivo della società con il fine di giungere al meglio dell'essere umano.  L'Uno ogni giorno, cioè ogni individuo, edifica la società neo-socialista quotidianamente, nei contenitori collettivi, dove il potere è assunto a livello collettivo e non gerarchico. Quindi è fondante, nel nuovo ordine costituito, la democrazia diretta e partecipativa ed assembleare, reali   espressioni Democratiche esercitate nel nuovo sistema socialista. IL POTERE E LE MASSE CENTRALITA' DEL PROCESSO EVOLUTIVO  La Storia dell'umanità ci ha insegnato, come il potere sia centrale nel rapporto tra gli stessi  individui e le forme gerarchiche di Governo. Da migliaia di anni le società, sono state governate da forme piramidali di potere, dove dall'alto verso il basso, si impone i propri voleri. Il popolo ha sempre subito questo tipo di rapporto gerarchico di potere. Contraddire l'ordine gerarchico, poteva costare la vita. Inoltre gli stessi individui erano divisi al loro interno tra uomini liberi, artigiani e schiavi. Sopra di essi sacerdoti, guerrieri e monarchi. Il primo uomo che tentò di sovvertire l'ordine costituito esistente all'epoca e liberarsi del suo ruolo di schiavo, ha il nome di SPARTACO. Lo schiavo Spartaco, nell'impero Romano, era stato acquistato ad un mercato di schiavi, per farne un gladiatore. La sua vita come quella di altri,  era in balia dello spettacolo della Guerra tra schiavi nei circhi, veri e propri mattatoi di esseri umani. Esso assieme ad altri gladiatori, si sollevò al giogo del circo e scappando da Gaeta, diventò esso e il primo gruppo di schiavi, ben presto, l'incubo delle legioni Romane e dell'Impero Romano. A Spartaco e al suo grido di libertà, presto si aggiunsero migliaia di schiavi  da ogni luogo di Italia, che lottavano per la loro libertà. A Roma il ripristino dell'ordine, costò varie sconfitte e la morte di migliaia di legionari. Alla fine circondati, Spartaco e gli Ex Schiavi, dettero l'ultima battaglia, sapendo che è meglio la morte da liberi che tornare ad essere schiavi. E' il primo esempio di ribellione degli ultimi ad un potere totale e negatore della dignità dell'essere umano e della libertà dell'individuo. Spartaco è per tutti noi un esempio vivo e sempre attuale. Da Spartaco ad oggi ci sono stati rivolgimenti degli ultimi, rivoluzioni, tentativi di rovesciamento degli ordini costituiti con sviluppi non sempre riusciti nell'obbiettivo che la parte bassa della piramide avesse il governo delle proprie vite e della società in cui vivevano. Il pensiero formulato nell'800 da vari pensatori, per la liberazione degli strati più bassi della società dal potere dispotico, tirannico della classe borghese e monarchica e dell'emergente struttura economica capitalistica, in mano borghese, vide nell'900 un alta conflittualità sociale.  il proletariato fin dai primi dell' 900, fù il protagonista delle lotte per arrivare al governo dei lavoratori. Essi organizzati nella forma partito, tentarono in vari luoghi le rivoluzioni. Il proletariato però non capì che la forma partito, formulata verso la fine dell'800 dai pensatori del Socialismo e del Comunismo, non avrebbe prodotto il governo dei proletari, ma strutture piramidali, dispotiche e tiranniche. Infatti basti pensare all' Urss, che realizzò una forma di socialismo, che vide nel manifesto del partito comunista di K.Marx, la struttura portante dello stato e della forma organizzativa della società.  I Soviet (consigli) che dettero il nome all'ex impero zarista, cioe' Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, diventarono dei contenitori vuoti, ridotti a licenziare le direttive del capo supremo e del partito, leader assoluto e indiscusso, i cui voleri erano incontestabili, e se contraddetti pena la morte. Ciò accadde perché' nessuno pose il problema di come la questione del potere fosse centrale, potesse essere un arma contro il proletariato,  che se non distribuito in modo orizzontale ed egualitario, poteva ricreare forme reazionarIe. Infatti l'Urss e gli stati Socialisti, costituiti dopo il 1917, ebbero sempre un capo indiscusso e uno stato totalitario. Libertà di stampa e di parola promesse furono negate, quindi fu negato l'atto di liberazione dei proletari e l'autogoverno nella società socialista. L'ambizione dell'individuo di governare in modo assoluto il popolo o basti pensare alla minima ambizione di prevalere sul l'altro  e' centrale. Fino a quando l'essere umano sarà governato dall'ambizione di superiorità sugli altri individui, di essere il capo e imporre la propria volontà, idea, e tipo di sistema in vari campi della società,  ogni forma di socialismo fallirà. L'individuo  per poter costituire, in nuovo processo rivoluzionario per la liberazione sociale del proletariato e del sotto-proletariato, dalle gerarchie e dal ruolo del capo su di esse, deve porsi come parte collaborativa tra individui, negandosi, nella NUOVA FORMA EVOLUTIVA, L'AMBIZIONE DI SUPERIORITA' SUGLI ALTRI INDIVIDUI.   La questione del potere  che ha attraversato l'umanità nella storia, nella rappresentazione gerarchica , ci fà capire come evolversi, si traduce in un nuovo individuo che non vuole sottomettere l'altro ma anzi  e' fondamentale porsi realmente in modo ugualitario tra individui, negando ogni ambizione di prevalere sull'altro e negando in ogni modo le gerarchie, in ogni forma possibile cioe' sociali, politiche, amministrative, statali, militari e di genere.    La nuova forma evolutiva vede nella collaborazione tra individui coscenti che ogni individuo e' indispensabile all'altro e che nessun individuo deve prevalere sull'altro per l'ambizione di comandare. l'intelligenza dell'essere umano,  qui presa come fondante con un processo di autoanalisi continua per la destrutturazione delle negatività nell'area oscura della mente,  dimora della negatività che produce l'ambizione di comandare sugli altri, sottometterli e governarli. l'egoismo individuale deve essere negato, essendo una forma di distruzione dell'umanità all'interno delle società e nei rapporti tra esseri umani.  Il potere oltre che essere centrale nella nuova forma di coscenza individuale,deve essere organizzato in modo lineare ed egualitario in tutta la società, organizzata in modo non gerarchico e democratico. Questo e' Socialismo delle individualità. Soggetti Rivoluzionari nella Rivoluzione Sociale Il processo rivoluzionario per l'attuazione della rivoluzione sociale vede nei poveri e nei lavoratori l'unione di classe fondamentale. Il Capitalismo produce un consistente numero di poveri e distribuisce la ricchezza ad un esiguo numero di privilegiati. Sovvertire questo ordine e' compito di coloro che da sempre stanno nella parte bassa della società. In Europa la consistente presenza di immigrati poveri di vari luoghi del pianeta, li pone nel loro interesse di classe, di unirsi ai disoccupati autoctoni e ai lavoratori autoctoni nel processo rivoluzionario per la costituzione del Socialismo delle Individualità. Neghiamo il nostro interesse a soggetti interclassisti come sono i gay/lsb che come abbiamo visto, il loro interesse e' esclusivamente borghese. Essi non sono destabilizzanti per il capitalismo ma sono parte integrante del Capitalismo. Il loro desiderio tra i tanti e' la ricchezza economica ed essere nel ingranaggio capitalistico per il loro esclusivo interesse e benessere. Non possiamo pensare che siano conquiste  avere gay/lsb  negli Eserciti, Servizi Segreti, Banche, Multinazionali, Parlamenti ed etc. Come abbiamo visto negli ultimi 15 anni nell'Impero U.S.A e in altri stati dell'Asse Imperiale U.S.A, essi sono una delle lobby che combatte i popoli e le Civilta' del Pianeta, sia partecipando attivamente nelle macchine belliche ed economiche Imperiali. Sia creando culturalmente un relativismo di genere per la creazione della confusione di genere, finalizzata ad aumentare l'omosessualita' nel Mondo. Gli U.S.A hanno nelle loro lobby gay/lsb, il progetto di costituirsi in comunita' propria come se fossero un popolo specifico o  come loro pensano, di essere una razza. Essi hanno teorizzato comunità in cui essi hanno film con registi omosex, sceneggiatori omosex, attori ed attrici omosex e storie omosex e non solo. E' da ricordare che ciò già stà accadendo nell'Impero U.S.A e altri stati da anni. Essi vorrebbero costituire e costituiscono comparti della loro societa' in funzione omosex, come in MTV U.S.A , Gran Bretagna, Europa e altri stati. Ricordo che essi non sono diversi da altri che fecero nefandenze nella storia dell'umanita', poiche' essi ebbero anche le Squadre di Assalto (S.A) NazionalSocialiste omosex, che furono la struttura portante per la presa del potere da parte di Hitler. Inoltre Il Nazista Austriaco Haider era Omosex, Xenofobo, Antislamico e Borghese. Gli Omosex  nella  nostra epoca sono lacche', come tanti  di loro furono in passato e sono nemici di classe dell'unione sociale rivoluzionaria. L'unione di classe e' un unione esclusivamente tra etero, in cui le fedi religiose trovano spazio per il loro culto, nella costituzione di uno spazio comune di convivenza civile, fatta di rispetto reciproco, in uno spazio laico non ateizzante.                           TANA       ROSSA PONTEDERA LABORATORIO POLITICO PER LE LOTTE SOCIALI. APARTITICO E INDIPENDENTE. NODO AUTOGESTITO E AUTONOMO DEI PARTITI E ASSOCIAZIONI. CONTRO LA PSEUDO SINISTRA RADICALE E ORMAI PARLAMENTARE ( SEL ) E DEI LIBERISTI DEL PARTITO DEMOCRATICO, DELLE ASSOCIAZIONI LORO BRACCIO CULTURALE COME L’ARCI. PROPAGANDIAMO L’ASTENSIONE AL VOTO. LA DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATIVA IN UNA SOCIETA’ AFFRANCATA DALLE MULTINAZIONALI.
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Report spam or abuse
Show more Loading...
to add this to Watch Later

Add to