IL
Upload

Loading icon Loading...

This video is unavailable.

CN24 | Clan Mancuso di Limbadi. Tre arresti per usura, estorsione e omicidio

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to like CalabriaNews24's video.

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to dislike CalabriaNews24's video.

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to add CalabriaNews24's video to your playlist.

Uploaded on Apr 30, 2010

http://www.cn24.tv

Venerdì 30 Aprile 2010 | In questa edizione di Report24:

Clan Mancuso di Limbadi. Tre arresti per usura, estorsione e omicidio
Minacciavano le vittime per recuperare i prestiti concessi dalla cosca

Alle prime ore del mattino, personale della Squadra Mobile di Catanzaro coadiuvato da personale della Squadra Mobile di Milano e Parma, ha eseguito le Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro, nei confronti di tre usurai del clan Mancuso di Limbadi, nel vibonese: Salvatore Mancuso nato a Limbadi, 42 anni, residente a Giussano (Milano); Franco Ruggiero, 38 anni, e Filippo Carrà, 45, entrambi nati a Vibo Valentia e residenti a Sissa (Parma); tutti responsabili di estorsione aggravata. Franco Ruggiero, è accusato anche dell'omicidio volontario di Francesco Chirillo, 54 anni, avvenuto nel comune di Gizzeria (CZ) il 10 febbraio 2000, scaturito a seguito dell'ingente debito ad usura al quale la vittima era stata sottoposta da parte di Salvatore Mancuso, figlio del deceduto capo cosca Francesco 81enne. Mancuso e Ruggiero sono stati associati presso al Casa Circondariale di Monza, mentre Carrà presso quella di Parma. Le indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, riscontravano in maniera puntuale le dichiarazione rese dal collaboratore di giustizia Angiolino Servello, in merito all'omicidio di Chirillo ed al movente, con particolare riferimento alle vicende usurarie che avevano coinvolto come vittime anche tre imprenditori delle provincie di Crotone e di Cosenza.

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

The interactive transcript could not be loaded.

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

Ratings have been disabled for this video.
Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.

Loading icon Loading...

Advertisement
Loading...
Working...
Sign in to add this to Watch Later

Add to