Upload

Loading icon Loading...

This video is unavailable.

Cuentos de Resistencia - Gerda Taro

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to like FreeNeverSaid's video.

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to dislike FreeNeverSaid's video.

Sign in to YouTube

Sign in with your Google Account (YouTube, Google+, Gmail, Orkut, Picasa, or Chrome) to add FreeNeverSaid's video to your playlist.

Uploaded on Oct 22, 2009

Cuentos de Resistencia - Gerda Taro
Imagenes: Gerda Taro Robert Capa y otro
Musica: Rapsodia Libertaria y mas


D'Amore e di Libertà

"Cantando espero a la muerte..."
Di Gerda Taro ultimamente s'è scritto parecchio,
a volte a sproposito e altre no,magari con il pur
lodevole intento di farla riemergere dall'ombra
scomoda di Robert Capa e renderle giusto merito.
Senza alcun dubbio entrambi furono fotografi
bravi e artisticamente dotati ma ce n'erano tanti
come loro sul fronte della Guerra Civile spagnola:
la differenza la fecero solamente il sangue freddo
e il coraggio perchè un conto è scattare come si
fà oggi da lontano con un potente teleobiettivo
innestato,un'altro era gettarsi allora nella mischia
al fianco dei dinamiteros asturiani,frà il sibilare
delle pallottole o sotto i bombardamenti a tappeto,
con una Rollei e una Leica con su' un corto 35mm.
La morte sempre in agguato,invisibile compagna
in ogni azione,ancor più crudele perchè beffarda,
arrivò e non li colse insieme,sancendo così una
separazione di fatto già avvenuta,uno dei tanti
amori perduti nei tortuosi meandri del conflitto.
Lei non era più innamorata,lui invece sì,ancora
e perdutamente,continuerà ad esserlo sino alla
fine dei suoi giorni,lontano e tanti anni dopo.
Quanto sia stata importante l'immagine simbolica
di questa ragazza esile e minuscola,lo testimonia
poi il vigliacco oltraggio dei nazisti,sconfitti e
in fuga da Parigi,contro la sua tomba.
Ridurne a scarni cenni biografici la vita intensa
e straordinaria oppure,peggio,liquidarne la figura
semplicemente come prima fotoreporter sul campo
di battaglia non le renderebbe affatto giustizia.
Nonostante il breve volgere della sua esistenza
ella ebbe modo di testimoniare col proprio esempio
anzitutto la fede profonda nell'ideale,lo sprezzo
puro e fiero nei riguardi della paura e del nemico,
ripartito in ugual misura,l'intima consapevolezza
nell'infinito potenziale di proiezione dei limiti
umani oltre il confine tracciato dalle debolezze:
saper misurare se stessi nella lotta ciò che conta,
le lacrime e il sangue che si è disposti a versare,
l'energia congiunta di cuore e ragione da spendere
per la causa della libertà,non certo la forza bruta
dell'avversario perchè i lugubri squadristi e gli
squallidi mercenari della reazione polvere erano e
polvere torneranno nell'immondezzaio della Storia.

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

Loading icon Loading...

Ratings have been disabled for this video.
Rating is available when the video has been rented.
This feature is not available right now. Please try again later.

Loading icon Loading...

Loading...
Working...
to add this to Watch Later

Add to